2^ G.M. I bollettini di Guerra

I bollettini di guerra del 8 febbraio 1941-42-43

Il Bollettino del Quartier Generale delle Forze armate venne diramato in Italia a partire dall’ 11 giugno 1940, giorno in cui venne emesso il n° 1, fino al tragico 8 settembre 1943, per un totale di 1.201 comunicati. Esso, come venne indicato nelle disposizioni ufficiali, a partire dal 15 giugno 1940, sarà diramato alle ore 13 e conterrà tutto quanto concernente lo svolgimento delle operazioni sino alle ore 24 del giorno precedente.

Il 19 novembre 1940 venivano diramate con il Foglio di disposizioni n. 5 del P.N.F. le direttive riguardo al contegno da tenere durante l’ascolto del Bollettino di guerra, che prescriveva fra l’altro:

Nei pubblici ritrovi, allorchè viene trasmesso per radio il Bol­lettino di guerra, i fascisti presenti lo ascoltino in piedi. Il pubblico non tarderà a uniformarsi a questa esempio di compren­sione e di stile.

Noi abbiamo scelto di pubblicare gli stessi, raggruppando in un unico post, i bollettini emessi in quel giorno specifico, per tutti gli anni del conflitto mondiale.

  • Bollettino n. 246

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 8 febbraio 1941:

Sul fronte greco, é stato respinto un attacco avversario nel settore della 11a Armata, infliggendo al nemico gravi perdite. Durante que­sta azione si é particolarmente distinto il 13° reggimento fanteria. Una nostra formazione aerea ha bombardato obiettivi militari a Prevesa.

Nei giorni 5 e 6 si é svolta nel Sud bengasino una battaglia asprissima, durante la quale le nostre perdite sono state gravi e quelle del nemico, in uomini e mezzi, non meno gravi. Alla sera del 6 il nemico ha occupato Bengasi, sgombrata dalle nostre truppe per ri­sparmiare la popolazione civile, nazionale e indigena.

Nell’Africa orientale, intensa attività delle opposte artiglierie nel settore di Che­ren. Scontri di pattuglie alla frontiera sudanese del Galla e Sidama. Nostri reparti aerei hanno bombardato truppe nemiche accampate. In combattimenti con la caccia avversaria, sono stati abbattuti in fiamme tre apparecchi inglesi. Il nemico ha effettuato incursioni su Cheren, Hargheisa e Javello.

Il pomeriggio del 31 gennaio, un pon­tone armato della R. Marina, a rimorchio per trasferimento, veniva attaccato da un sommergibile nemico, che apriva il fuoco contro di esso. Il pontone reagiva immediatamente con un intenso tiro, riuscendo a colpire il sommergibile. Il piccolo rimorchiatore, colpito durante il combattimento si incendiava ed in seguito affondava. Sono salvi 48 uomini, sui 67 componenti l’equipaggio.

  • Bollettino n. 617

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 8 febbraio 1942:

Sul fronte cirenaico attività di elementi esploranti. Nelle zone di Tobruk, Bardia e Marsa Matruh forze aeree tedesche hanno inten­samente bombardato e mitragliato concentramenti di automezzi, ac­campamenti e depositi vari, colpendo truppe, distruggendo materiali, suscitando numerosi incendi.

Una incursione inglese su Sirte ha causato sei vittime e pochi danni. Formazioni di velivoli dell’Asse, in violenti attacchi diurni e notturni su Malta, hanno battuto campi d’aviazione e basi navali: un sommergibile, colpito da bombe del massimo calibro lanciate da ap­parecchi germanici, é stato sicuramente distrutto; un incrociatore risulta colpito. In duelli aerei nel cielo dell’isola tre Bristol – Blenheim sono stati abbattuti dalla caccia tedesca.

Durante l’incursione del giorno 4 su Palermo, un terzo bombardiere nemico é caduto in località Palazzo Adriano.

Un nostro convoglio in navigazione, attaccato da aerosiluranti la notte scorsa, ne ha fatto precipitare in fiamme uno ed ha continuato indenne la rotta.

  • Bollettino n. 989

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 8 febbraio 1943:

Sul fronte della Tunisia limitata attività esplorativa.

Nel porto di Algeri, attaccato da nostri bombardieri, sono divam­pati vasti incendi.

Un plurimotore nemico è stato abbattuto nella zona di Gabès. Appa­recchi avversari hanno sorvolato il litorale fra Agrigento e Porto Empedocle mitragliando, senza conseguenze, un treno. Un nostro velivolo è andato perduto.

Fra Gela e Butera uno Spitfire risulta abbattuto dal tiro di mitraglia­trici, il pilota è stato catturato.

Formazioni dell’aviazione nemica hanno agito sui dintorni di Ca­gliari, provocando, tre morti e quattro feriti tra i civili e danni non gravi. Tra i nostri cacciatori venivano abbattuti 4 aeroplani, dei quali 3 in mare presso Capo Pula, Capo Spartivento e a 40 km. a sud di quest’ultimo, mentre il quarto si infrangeva al suolo fra Iglesias e S. Antioco.

Ieri nel pomeriggio quadrimotori americani lanciavano numerose bombe su Napoli, causando danni e vittime in via di accertamento. Quattro dei velivoli attaccanti precipitavano in fiamme, ad opera delle artiglierie della difesa e della nostra caccia: uno a sud di Capo Posillipo, a nel Golfo di Napoli a sud di Torre Annunziata, il quarto al largo di Capri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.