2^ G.M. I bollettini di Guerra

I bollettini di guerra del 24 gennaio 1940-41-42

Il Bollettino del Quartier Generale delle Forze armate venne diramato in Italia a partire dall’ 11 giugno 1940, per un totale di 1.201 comunicati. Esso, come venne indicato nelle disposizioni ufficiali, a partire dal 15 giugno 1940, sarà diramato alle ore 13 e conterrà tutto quanto concernente lo svolgimento delle operazioni sino alle ore 24 del giorno precedente.

Il 19 novembre 1940 venivano diramate con il Foglio di disposizioni n. 5 del P.N.F. le direttive riguardo al contegno da tenere durante l’ascolto del Bollettino di guerra, che prescriveva fra l’altro:

Nei pubblici ritrovi, allorchè viene trasmesso per radio il Bol­lettino di guerra, i fascisti presenti lo ascoltino in piedi. Il pubblico non tarderà a uniformarsi a questa esempio di compren­sione e di stile.

Noi abbiamo scelto di pubblicare gli stessi, raggruppando in un unico post tutti i bollettini emessi in quel giorno specifico, per tutti gli anni del conflitto mondiale.

  • Bollettino n. 231

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 24 gennaio 1941:

Sul fronte greco, in azioni di pattuglie, abbiamo catturato prigionieri ed armi automatiche. Nostri aerei hanno spezzonato truppe nemiche.

In Cirenaica la nostra aviazione ha spezzonato e mitragliato inten­samente mezzi meccanizzati del nemico; l’aviazione avversaria ha bombardato Derna. Nella piazzaforte di Tobruk nostri nuclei hanno opposto nella parte ovest, un’accanita resistenza durante tutta la giornata di ieri.

Nell’Africa orientale sono in corso combattimenti fra nostre unità e forze motorizzate nemiche sulla fronte del Sudan ed in Somalia alla fronte del Kenia, validamente appoggiati dalla nostra aviazione.

In Egeo, aerei nemici hanno sorvolato, nella notte dal 22 al 23, la città di Rodi lanciando alcune bombe esplosive; lievi danni ad una abitazione privata: nessuno alle persone.

Il Corpo Aereo Tedesco ha nuovamente attaccato obiettivi della base di Malta.

  • Bollettino n. 601

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 24 gennaio 1942:

Le operazioni offensive di unità motocorazzate italo – germaniche in Cirenaica proseguono; forti reparti nemici sono stati ulteriormente respinti ad oriente di Agedabia.
Poderose formazioni aeree dell’Asse, intervenute impetuosamente nella lotta, hanno battuto senza tregua le colonne avversarie in ri­piegamento; gran numero di automezzi sono stati incendiati e di­strutti. Il nemico ha perduto tre velivoli: uno in combattimento, due abbattuti dalla difesa contraerea.

Incursioni di aeroplani inglesi su Tripoli e su altre località della co­sta sirtica hanno causato alcune vittime e danni non gravi. Squadriglie di Hurricane hanno tentato invano di impedire ai bom­bardieri italiani e tedeschi di raggiungere gli obiettivi militari dell’isola di Malta, sui quali gli attacchi si sono susseguiti con grande efficacia di giorno e di notte.

 Bollettino n. 974

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 24 gennaio 1943:

I movimenti dell’armata corazzata italo – germanica verso le nuove posizioni di schieramento continuano con ordine e regolarità e non si sono avute nella giornata di ieri che parziali azioni di elementi blindati impegnati dalle nostre retroguardie.

In duelli aerei un velivolo veniva distrutto dai nostri cacciatori. Nel settore tunisino, durante combattimenti che ci hanno dato il possesso di un’altra posizione nemica, sono stati presi 275 prigionieri e catturati materiali bellici. Negli ultimi due giorni 16 aerei avver­sari risultano abbattuti: 10 dalla caccia germanica e 6 dalle batterie contraeree.

Durante un attacco infruttuoso di aerosiluranti ad un nostro convo­glio, 2 apparecchi precipitavano in mare colpiti dal preciso tiro delle navi di scorta.

Aerei nemici mitragliavano, presso Castellammare del Golfo (Si­cilia) un treno viaggiatori: segnalati 7 morti e 30 feriti. Altre in­cursioni in provincia di Catania, nei pressi di Ragusa e di Licata e su Lampedusa, causavano lievi danni ad edifici e 2 vittime tra la popolazione; un apparecchio, centrato dalla difesa di quest’ultima località, cadeva in mare.

Un nostro sommergibile, al comando del tenente di vascello Alpinolo Cinti, ha silurato e colpito un cacciatorpediniere di scorta a un con­voglio nel Mediterraneo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.