2^ G.M. I bollettini di Guerra

I bollettini di guerra del 14 gennaio 1941-42-43

Il Bollettino del Quartier Generale delle Forze armate venne diramato in Italia a partire dall’ 11 giugno 1940, per un totale di 1.201 comunicati. Esso, come venne indicato nelle disposizioni ufficiali, a partire dal 15 giugno 1940, sarà diramato alle ore 13 e conterrà tutto quanto concernente lo svolgimento delle operazioni sino alle ore 24 del giorno precedente.

Il 19 novembre 1940 venivano diramate con il Foglio di disposizioni n. 5 del P.N.F. le direttive riguardo al contegno da tenere durante l’ascolto del Bollettino di guerra, che prescriveva fra l’altro:

Nei pubblici ritrovi, allorchè viene trasmesso per radio il Bol­lettino di guerra, i fascisti presenti lo ascoltino in piedi. Il pubblico non tarderà a uniformarsi a questa esempio di compren­sione e di stile.

Noi abbiamo scelto di pubblicare gli stessi, raggruppando in un unico post tutti i bollettini emessi in quel giorno specifico, per tutti gli anni del conflitto mondiale.

  • Bollettino n. 221

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 14 gennaio 1941:

Sul fronte greco, attività di pattuglie e di artiglierie. Nostre forma­zioni aeree hanno ripetutamente bombardato una base nemica. Sono stati mitragliati automezzi e concentramenti di truppe. In Cirenaica, attività delle nostre artiglierie, che hanno inflitto perdite a mezzi meccanizzati nemici sul fronte di Tobruk ed azioni di pattuglie e di artiglieria nella zona di Giarabub. Azioni aeree nemiche su loca­lità della costa cirenaica non hanno causato vittime.

In Africa orien­tale, piccole azioni nell’alto Sudan e tiri di artiglierie nella zona di Gallabat. Nel Sudan nostri aerei hanno bombardato posizioni, ap­prestamenti e truppe nemiche. Una nostra formazione aerea, attac­cata dalla caccia avversaria, sosteneva un combattimento durante il quale veniva abbattuto un velivolo tipo Gloster. Altro velivolo, da ricognizione, veniva abbattuto nel cielo dell’Eritrea dalla nostra cac­cia. Il nemico ha bombardato alcune località causando solamente qualche ferito.

Un sommergibile greco, il mattino del 31 dicembre, ha affondato un nostro piroscafo da carico di piccolo tonnellaggio che navigava in acque territoriali jugoslave. Il sommergibile, contro ogni norma di guerra, ha poi cannoneggiato l’imbarcazione di salvataggio del piroscafo, uccidendo i dieci uomini dell’equipaggio che si erano sal­vati.

Un aereo ed un mas hanno attaccato ed affondato, il 9 gennaio, un sommergibile nemico.

  • Bollettino n. 591

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 14 gennaio 1942:

Nella giornata di ieri sono continuate intense le azioni di fuoco aereo terrestre e navale sulle nostre posizioni del settore di Sollum – Halfaya.

Nulla d’importante da segnalare nella Cirenaica occidentale. L’avia­zione tedesca ha attaccato, con importanti forze, le opere portuali e gli aerodromi di Derna e Tobruk: bombe del medio e massimo calibro hanno raggiunto gli obiettivi causando ingenti danni e suscitando vasti incendi negli apprestamenti e nei depositi. Concen­tramenti di carri armati e mezzi di trasporto sono stati ugualmente colpiti con evidente efficacia. Due velivoli nemici sono stati abbattuti. Squadriglie italiane, con audace attacco a volo radente, hanno sor­preso e annientato una forte colonna nemica: oltre 25 automezzi con munizioni e carburanti sono saltati in aria, una batteria auto-trainata é stata distrutta, nuclei di truppa dispersi.

Velivoli italo – germanici hanno, a più riprese, bombardato Malta. Tre velivoli avversari sono stati abbattuti.

  • Bollettino n. 964

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 14 gennaio 1943:

Le opposte aviazioni, quantunque ostacolate da tempeste di sabbia, sono state ieri molto attive in Libia.

In frequenti duelli 11 apparecchi venivano abbattuti dai cacciatori dell’Asse, di cui 5 dagli italiani e 6 dai tedeschi. Il nostro 4° stormo da caccia concorreva a tali successi distruggendo due quadrimotori e portando così a 500 le sue vittorie. Tre altri velivoli precipitavano sotto il tiro di batterie contraeree nostre e germaniche.

Bombardamenti aerei nemici di località abitate hanno causato per­dite fra le popolazioni locali; danni non gravi.

Sul fronte tunisino sono falliti ripetuti attacchi condotti dall’avver­sario con appoggio di reparti blindati: diversi carri armati risultano distrutti.

Nostre formazioni aeree hanno agito in successive ondate su colonne di truppe e concentramenti di automezzi; di questi una decina ve­niva incendiata.

Anche le attrezzature portuali di Algeri e di Bona sono state inten­samente bombardate.

E’ rientrato alla sua base un apparecchio segnalato mancante dal bol­lettino del giorno 12.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.