2^ G.M. Fronte Jugoslavo e occupazione

Balcani 23 dicembre 1941, l’eroica morte di un ufficiale degli alpini

Le operazioni di occupazione e di controguerriglia nei balcani, costituirono indubbiamente il più importante sforzo bellico del Regio Esercito nel secondo conflitto mondiale. In totale ben 24 divisioni e tre brigate costiere vennero impiegate in questo compito, forse uno dei più duri in assoluto, e per capire quanto fosse gravoso per le nostre forze armate questo compito bastano queste scarne cifre. Nel 1940, in Libia c’erano 14 divisioni, nella terza battaglia di El Alamein dell’ottobre 1942 vennero impiegate otto divisioni,  sul fronte greco-albanese erano schierate  quattordici divisioni; la famosa Armata Italiana in Russia inquadrava 10 divisioni.

Il post odierno è ambientato durante l’inverno 1941-42 nei territori di confine fra la Bosnia e la Croazia. Una storia commovente ed emblematica che narra l’eroismo di una compagnia d’alpini impegnati in un operazione di rastrellamento e della morte di un giovane ufficiale

Anche io sono ufficiale, l’eroica morte di un alpino

A chi volesse ulteriormente approfondire l’argomento dell’occupazione dei Balcani da parte dei reparti del Regio Esercito e della Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale consigliamo il libro di Pierluigi Romedo di Dolloredo Mels Controguerriglia: La 2a armata italiana e l’occupazione dei Balcani 1941-1943 di cui sotto riportiamo la recensione completa:

E’ poco ricordato, ma l’occupazione e le operazioni controguerriglia in Balcania, come erano ufficialmente designati i territori ex jugoslavi, costituì indubbiamente il più importante sforzo bellico del Regio Esercito nella Seconda Guerra Mondiale: 24 divisioni e tre brigate costiere svolsero compiti di occupazione e di controinsorgenza in Balcania: per confronto nel 1940, in Libia c’erano 14 divisioni, nella terza battaglia di El Alamein dell’ottobre 1942 otto divisioni, quattordici sul fronte greco-albanese erano schierate 14 divisioni; l’Armata Italiana in Russia inquadrava 10 divisioni. Il fronte balcanico fu il più difficile, caratterizzato da una guerra asimmetrica fatta di continue imboscate, rastrellamenti, stragi, massacri da una parte e dall’altra, fucilazioni, internamenti nei campi per civili come Arbe e Gonars, nel quadro più vasto di una feroce guerra civile di tutti contro tutti: comunisti di Tito, ustasha di Ante Pavelich, cetnici serbi, domobrançi sloveni, lotta caratterizzata da massacri come quello dell’intero III battaglione del 259° Reggimento Murge a Prozor, atrocità anche verso le popolazioni civili in vere e proprie pulizie etniche culminate, per gli italiani, con le foibe e l’esodo di 350.000 istriani e giuliani e per gli jugoslavi con 1.072.000 morti.Eppure nell’estate 1943 la Balcania era l’unico fronte in cui le forze dell’Asse potessero vantare successi, dopo aver quasi messo fuori combattimento l’Esercito popolare di liberazione nel corso delle grandi offensive Weiss e Schwarz che ripulirono la maggior parte del territorio dai partigiani. L’armistizio italiano del settembre 1943 cambiò radicalmente tutto, e Tito poté impadronirsi di armi e depositi ed occupare il territorio abbandonato dagli italiani. Ma questa è un’altra storia. Dopo aver trattato i contrastati rapporti italo- jugoslavi dalla fine della Grande Guerra al Patto di Belgrado, il terrorismo slavo al confine e l’appoggio italiano a quello ustasha con i campi di addestramento in Italia, si esamineranno la campagna dell’aprile 1941, l’occupazione e la lotta antipartigiana, divisione per divisione, il ruolo dei collaborazionisti della MVAC e dei domobrançi sloveni, il rapporto degli italiani con i cetnici e con gli ustasha, il salvataggio degli ebrei croati da parte della 2a Armata, i battaglioni CCNN Squadristi e la fascistizzazione della controguerriglia, ma anche l’ultima carica di cavalleria della storia militare a Poloj. Un esame approfondito al di là della criminalizzazione imposta dal regime jugoslavo ed ancora oggi ripresa da una storiografia smaccatamente di parte ma anche del mito opposto degli italiani brava gente. In appendice sono riportate la circolare sugli Usi e Convenzioni di Guerra del 3 febbraio 1940 e la citatissima quanto poco letta Circolare 3C emanata dal comando della 2a Armata nel 1942.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.