2^ G.M. I bollettini di Guerra

I bollettini di guerra del 27 novembre 1940-41-42

Il Bollettino del Quartier Generale delle Forze armate venne diramato in Italia a partire dall’ 11 giugno 1940, per un totale di 1.201 comunicati. Esso, come venne indicato nelle disposizioni ufficiali, a partire dal 15 giugno 1940, sarà diramato alle ore 13 e conterrà tutto quanto concernente lo svolgimento delle operazioni sino alle ore 24 del giorno precedente.

Il 19 novembre 1940 venivano diramate con il Foglio di disposizioni n. 5 del P.N.F. le direttive riguardo al contegno da tenere durante l’ascolto del Bollettino di guerra, che prescriveva fra l’altro:

Nei pubblici ritrovi, allorchè viene trasmesso per radio il Bol­lettino di guerra, i fascisti presenti lo ascoltino in piedi. Il pubblico non tarderà a uniformarsi a questa esempio di compren­sione e di stile.

Noi abbiamo scelto di pubblicare gli stessi, raggruppando in un unico post tutti i bollettini emessi in quel giorno specifico, per tutti gli anni del conflitto mondiale.

  • Bollettino n. 173

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 27 novembre 1940:

Sul fronte greco, normale attività di ricognizione e di pattuglie. La nostra aviazione ha effettuato continue azioni contro gli appresta-menti e le truppe nemiche. Tutte le vie di comunicazione nemiche sono state inoltre oggetto di intensi attacchi. I nodi stradali di Perati, Delvinaki e Doljana, i centri di Erseke e Minina, i ponti sul Ka­lamas, di Perati e di Minina sono stati colpiti ripetutamente ed in­terrotti. Il campo di aviazione di Giànnina è stato bombardato. Nell’isola di Corfù sono stati colpiti il forte nuovo, la banchina del porto e le alture di Corakiana. Tutti i nostri velivoli sono rientrati. Aerei nemici hanno bombardato Valona senza causare vittime né danni. Durante una ricognizione offensiva sull’isola di Malta un ve­livolo da caccia nemico è stato abbattuto in mare, in combattimento con la nostra caccia. Un nostro velivolo non è rientrato.

Nell’Africa settentrionale, aerei nemici hanno lanciato bombe su Tripoli causan­do due feriti e danni poco importanti nella zona del porto. Altri velivoli nemici hanno attaccato la ridotta Maddalena, Garn ul Grein e le nostre posizioni limitrofe. Un velivolo nemico, colpito dal fuoco contraereo, è precipitato in fiamme. Un membro dell’equipaggio lanciatosi col paracadute è stato catturato. Secondo notizie attendi­bili, il bombardamento aereo del porto di Alessandria effettuato dalle nostre squadriglie con bombe di grosso calibro il 19 novembre, ha gravemente colpito sei navi da guerra, l’officina riparazioni della Compagnia del Canale, utilizzata dalla flotta nemica, i campi di aviazione di Helwan e Abu – Sceir nel quale ultimo sono stati incen­diati e distrutti quattro velivoli. Nell’Africa orientale, le nostre for­mazioni aeree hanno bombardato le postazioni di artiglieria nemiche ad ovest di Gallabat. Aerei nemici hanno lanciato bombe su Assab, Massaua e Danghilà senza causare vittime. Ai cinque velivoli ne­mici abbattuti durante l’attacco su Lero, segnalati col precedente bol­lettino, deve aggiungersi un sesto velivolo abbattuto dalla difesa con­traerea della R. Marina. Aerei nemici provenienti dal cielo della Svizzera hanno lanciato bombe e spezzoni incendiari su Torino, dan­neggiando alcuni stabili nel centro e alla periferia della città. Un principio d”incendio in una vetreria è stato subito domato. Molte bombe sono cadute in aperta campagna, dove sono state demolite due case coloniche. Un soldato che trovavasi di sentinella è stato ucciso. I feriti da bombe e da schegge sono due.

  • Bollettino n. 543

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 27 novembre 1941:

In Marmarica le forze dell’Asse continuano tenacemente, in stretta cooperazione tattica, la lotta contro le forze britanniche nella re­gione a sud – est di Tobruk e sul fronte di Sollum; anche ieri sono stati conseguiti notevoli successi.

Sul fronte di Sollum, mentre la divisione Savona ha stroncato attac­chi di carri armati nemici, unità corazzate tedesche e italiane hanno riconquistato l’importante posizione di Sidi Ornar. Prigionieri bri­tannici affluiscono a Bardia, da noi saldamente tenuta.

Più ad occidente la divisione Ariete ha sostenuto forti scontri con reparti nemici motorizzati e di fanteria. Nel settore centrale si sono riaccesi combattimenti tra opposte unità corazzate: l’avversario, contrattaccato da un raggruppamento di forze italo – tedesche, ha subito altre forti perdite.

Davanti a Tobruk, nostri reparti hanno respinto nuovi tentativi di sortita dalla Piazza, i cui apprestamenti terrestri e portuali sono stati ancora ripetutamente bombardati da formazioni della R. Aeronautica. Tiri di unità navali inglesi, senza risultati, contro tratti di costa ad ovest di Tobruk.

Velivoli avversari hanno effettuato un’altra incursione su Bengasi: colpiti alcuni fabbricati; nessuna vittima.

Agedabia è stata nuovamente attaccata da tre aerei nemici; un ve­livolo tipo Bristol è stato abbattuto da un nostro caccia; pilota e os­servatori catturati.

L’aviazione nazionale e quella, germanica hanno operato in conti­nuazione, sottoponendo ad intensa offesa truppe e concentramenti di mezzi meccanizzati nemici. In combattimenti aerei la nostra cac­cia coi nuovi tipi di apparecchi ha complessivamente abbattuto 13 velivoli nemici. Si è particolarmente distinta una squadriglia di cac­ciatori, la quale, in un solo combattimento ingaggiato contro 30 Curtiss, ne ha abbattuto 7 in fiamme ed altri efficacemente mitra­gliati, senza subire alcuna perdita. Due velivoli nemici che avevano attaccato un nostro ricognitore, sono stati entrambi colpiti da questo, che ha potuto rientrare alla base benché danneggiato.

L’aviazione tedesca ha abbattuto lunedì altri 6 apparecchi nemici e sette nella giornata del 25.

In Africa orientale, continui bombardamenti d’artiglieria e aerei contro la piazza di Gondar ed i caposaldi viciniori: le nostre bat­terie hanno svolto efficaci tiri di reazione e concorso a sventare vari tentativi d’avvicinamento. Ulteriori notizie fanno ascendere le per­dite subite dal nemico, nei combattimenti del giorno 20 attorno al caposaldo di Celga, a 2 ufficiali inglesi morti ed altri feriti, 350 re­golari sudanesi fra morti e feriti. Questa notte nostri velivoli hanno bombardato con bombe di grande potenza gli aeroporti di Micabba ed Hal Far (Malta).

  • Bollettino n. 916

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 27 novembre 1942:

Sul fronte cirenaico puntate di forti elementi esploranti avversari sono state respinte.

In Tunisia uno scontro di mezzi corazzati si è concluso a vantaggio delle forze dell’Asse che distruggevano numerosi carri armati. Formazioni aeree hanno rinnovato con visibile successo azioni di mitragliamento e bombardamento su truppe nemiche in marcia e in sosta nei due settori: l’aviazione britannica perdeva 5 velivoli abbattuti in combattimento dalla caccia germanica.

Un’incursione aerea compiuta nella serata di ieri sui dintorni di Catania ha causato danni limitati: non sono segnalate perdite fra la popolazione civile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.