2^ G.M. I bollettini di Guerra

I bollettini di guerra del 18 luglio 1940-41-42-43

Il Bollettino del Quartier Generale delle Forze armate venne diramato in Italia a partire dall’ 11 giugno 1940, giorno in cui venne emesso il n° 1, fino al tragico 8 settembre 1943, per un totale di 1.201 comunicati. Esso, come venne indicato nelle disposizioni ufficiali, a partire dal 15 giugno 1940, sarà diramato alle ore 13 e conterrà tutto quanto concernente lo svolgimento delle operazioni sino alle ore 24 del giorno precedente.

Il 19 novembre 1940 venivano diramate con il Foglio di disposizioni n. 5 del P.N.F. le direttive riguardo al contegno da tenere durante l’ascolto del Bollettino di guerra, che prescriveva fra l’altro:

Nei pubblici ritrovi, allorchè viene trasmesso per radio il Bol­lettino di guerra, i fascisti presenti lo ascoltino in piedi. Il pubblico non tarderà a uniformarsi a questa esempio di compren­sione e di stile.

Noi abbiamo scelto di pubblicare gli stessi, raggruppando in un unico post tutti i bollettini emessi in quel giorno specifico, per tutti gli anni del conflitto mondiale.

  • Bollettino n. 39

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 18 luglio 1940:

Nell’Africa settentrionale sono stati rinnovati efficaci bombardamenti nella zona di Marsa Matruh; tutti i velivoli sono rientrati.

Nell’Africa orientale il nemico ritiratosi da Moiale è stato inseguito verso Buna dalle forze terrestri e dalla aviazione, che ha mitragliato e sbandato autocolonne in fuga. Sono state prese armi, munizioni e autocarri. Nostri aerei hanno bombardato il campo di aviazione di Wajir con evidenti risultati. Il nemico ha bombardato il campo di Agordàt, senza recare danni; un velivolo inglese è stato abbattuto dalla nostra caccia.

  • Bollettino n. 408

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 18 luglio 1941:

Nei pressi di Malta nostri reparti aerei hanno sostenuto aspri com­battimenti contro preponderanti forze nemiche da caccia: cinque velivoli inglesi sono stati abbattuti; un nostro velivolo non ha fatto ritorno alla base.

Nell’Africa settentrionale, a Tobruk, sono state nuovamente bom­bardate dalla Aviazione italo – tedesca batterie, e posizioni fortificate della Piazza provocando incendi ed esplosioni. A sud – ovest di Sidi el Barrani nostre unità da caccia hanno attaccato a volo radente automezzi e truppe nemiche. Durante un nuovo attacco contro le due navi avvistate a nord di Marsa Lucch, citate nel bollettino di ieri, mentre i bombardieri dell’Asse affondavano il secondo piroscafo superstite, i cacciatori germanici, attaccata una formazione aerea ne­mica che tentava di proteggere i trasporti, hanno abbattuto cinque velivoli britannici del tipo Curtiss P.40.

Aerei nemici hanno bombardato Bengasi e Derna provocando, in quest’ultima località, alcune vittime tra la popolazione musulmana. Nella notte sul 18 alcuni velivoli nemici hanno lanciato bombe su Palermo: tre feriti tra la popolazione.

Nell’Africa orientale situazione immutata.

  • Bollettino n. 781

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 18 luglio 1942:

Sul fronte egiziano un forte attacco di fanteria e di mezzi corazzati, sferrato dal nemico nel settore delle divisioni Trento e Trieste, è stato nettamente respinto. L’avversario ha lasciato nelle nostre mani parecchie centinaia di prigionieri, in massima parte australiani.

Anche ieri l’aviazione dell’Asse ha dato valido appoggio alle opera­zioni in corso; vivaci duelli hanno avuto per risultato l’abbattimento di due velivoli britannici da parte della nostra caccia, di 9 ad opera di quella germanica; due altri apparecchi sono stati distrutti dalle artiglierie contraeree di nostre grandi unità terrestri.

  • Bollettino n. 1.149

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 18 luglio 1943:

La violenza della lotta é ancora aumentata intorno ad Agrigento: sotto l’urto di preponderanti forze blindate le truppe, che in questi giorni avevano valorosamente difeso la città,sono state costrette a ripiegare ‘su posizioni più arretrate.

Ad oriente della Sicilia reparti aerei dell’Asse hanno agito anche ieri con successo colpendo con siluri e con bombe navi mercantili e da guerra di vario tonnellaggio. Sei velivoli sono stati distrutti da cac­ciatori tedeschi.

Unità navali avversarie bombardavano a più riprese la città di Ca­tania: il fuoco delle batterie terrestri colpiva un incrociatore ed in­cendiava un cacciatorpediniere.

Napoli é stata nuovamente e ripetutamente attaccata da grosse for­mazioni di quadrimotori: sono segnalati ingenti danni nei quartieri centrali e periferici; incorso di accertamento le vittime. La difesa contraerea della città, con interventi pronti e precisi, abbatteva 10 bombardieri; altri 8 precipitavano a seguito di combattimento con la nostra caccia.

Minori azioni di spezzonamento e di mitragliamento sono state effettuate questa notte sui dintorni di Napoli, su Littoria e su Ciampino. Durante le incursioni di cui hanno dato notizia i bollettini nn. 1147 e 1148 risultano distrutti, oltre a quelli già indicati, 4 velivoli di cui uno caduto a sud – ovest di Ivrea e 3 nel territorio di Genova, sotto il tiro delle artiglierie locali.

Negli ultimi due giorni non sono rientrati alle basi 5 nostri aerei. Motosiluranti italiane, in ricognizione offensiva nelle acque della Si­cilia orientale, colavano a picco un piroscafo da 9 mila tonnellate. Un sommergibile é stato affondato in Mediterraneo dalla torpedi­niera comandata dal capitano di corvetta Silvio Cavo da Boissano (Savona).

Le perdite finora accertate fra le popolazioni civili, a seguito delle incursioni citate dai bollettini nn. 1148 e r 149, sono le seguenti:

— a Reggio Emilia 6 morti e 20 feriti;

— a Napoli 12 morti e 84 feriti;

— a Nola 9 morti e 12 feriti;

— ad Afragola 4 morti e 10 feriti;

— a Roccarainola 10 morti e 10 feriti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.