2^ G.M. Crimini e stragi partigiane

“Mai prima d’ora il buon nome dell’Italia è caduto così in basso nella mia Stima”

“Sono qui venuto per una incresciosa missione, per un anno e mezzo ho lavorato per il bene dell’Italia, la mia opera e la mia amicizia sono state, io lo so, riconosciute e apprezzate, è mio dovere dirvi che mai prima d’ora il nome dell’Italia è caduto tanto in basso nella mia stima, non è libertà, non è civiltà che delle donne vengano allineate contro un muro e colpite al ventre con raffiche di armi automatiche e a bruciapelo. Io prometto severa e rapida giustizia verso i delinquenti, confido che il rimorso di questo turpe delitto li tormenterà in eterno e che in giorni migliori la città di Schio ricorderà con vergogna e orrore questa spaventosa notte e con ciò ho detto tutto”

L’8 luglio 1945 il generale di brigata J.K. Dunlop governatore militare alleato del Veneto, pronunciò queste parole al Municipio di Schio dopo essere stato informato della strage partigiana avvenuta nel centro del vicentino la notte precedente. Erano stati uccise 54 persone senza processo e la cosa aveva indignato e preoccupato per possibili escalation le autorità militari alleate presenti in Italia. Questa è la storia di quel terribile episodio.

7 luglio 1945, la strage partigiana di Schio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.