2^ G.M. I tedeschi in Italia

31 maggio 1945, la morte del “boia di Lublino” Odilo Lotario Globočnik

Il 31 maggio 1945 a Paternion piccolo comune austriaco nel distretto di Villach-Land, in Carinzia si suicidava Odilo Lotario Globočnik noto come il “boia di Lublino”. Ufficiale austriasco delle SS era stato da poco catturato dagli Alleati e precisamente da un reparto britannico del 4th Queen’s Own Hussars. Ora molti dei nostri lettori si chiederanno perché noi oggi dedichiamo un post a un ufficiale tedesco, la duplice spiegazione la capirete leggendo fino il fondo il nostro articolo.

Colui che sarebbe stato più tardi conosciuto come il “boia di Lublino”, nacque a Trieste il 21 aprile 1904 quando la città era ancora parte del parte dell’Impero austro-ungarico, da una famiglia slovena ma di lingua tedesca. Nel 1922 entrò in un’organizzazione paramilitare della Carinzia di estrema destra, nel 1931 si iscrisse al Partito nazista austriaco e nel 1934 entrò nelle SS. Tra il 1933 e il 1935 venne arrestato quattro volte per la sua attività sobillatrice e con l’accusa di alto tradimento, dato che in Austria il Partito nazista era illegale.

Con l’annessione dell’Austria al Terzo Reich, Hitler decise di nominare Globočnik, allora uno dei più importanti membri del partito della sezione austriaca, Gauleiter di Vienna, il 22 maggio 1938. Globočnik non seppe sfruttare l’incarico di prestigio che gli era stato affidato, sfruttò la sua posizione per arricchirsi e questo gli alienò le simpatie dei funzionari del partito, in particolar modo dell’ala cattolica

Ma non era tutto, perchè egli ebbe una serie di contrasti con Hermann Göring, uno degli uomini più potenti del Partito Nazista e per questo il 30 gennaio 1939, venne sospeso dalla carica di Gauleiter. Volontario nella divisione “Das Reich” delle Waffen-SS dal marzo al novembre 1939, prese parte alla Campagna di Polonia al termine della quale Einrich Himmler, il potentissimo Reichsführer delle SS decise di dargli una seconda possibilità.

Il 9 novembre 1939 egli venne infatti nominato Comandante delle SS e della Polizia tedesca del distretto di Lublino, nel Governatorato Generale, la parte della Polonia non annessa direttamente al Reich millenario. Il Governatorato istituito dopo il crollo della Polonia e la sua divisione fra la Germani e l’Unione Sovietica, venne posto sotto il controllo del feroce governatore Hans Frank che amministrava circa 94 000 km² con 10 milioni di abitanti.

Il 13 ottobre 1941, Globočnik ricevette un ordine verbale direttamente da Himmler per iniziare i lavori per la costruzione del primo campo di sterminio del Governatorato a Bełżec. Nel 1942 pianificò e portò a termine la costruzione di altri due campi, Sobibór e Treblinka. Così facendo Globočnik si rese responsabile dell’uccisione di più di 1.500.000 di ebrei polacchi, slovacchi, cechi, olandesi, francesi, russi e tedeschi.

Dopo la resa dell’Italia e l’occupazione della penisola da parte tedesca, come abbiamo visto in alcuni nostri precedenti post, due zone del nostro paese vennero inglobate direttamente nei territori del Terzo Reich. Una di queste denominata Zona d’Operazione del Litorale Adriatico o OZAK (acronimo di Operationszone Adriatisches Küstenland) comprendeva le province di Udine, Gorizia, Trieste, Pola, Fiume e Lubiana e proprio a Trieste Globočnik, venne trasferito per assumere un nuovo incarico.

Nella perla» dell’ex Impero austro-ungarico, insieme ai suoi collaboratori più fidati dell’Operazione Reinhard (il piano di sterminio degli ebrei polacchi) gli venne affidato l’incarico di coordinare le unità di lotta antipartigiana in qualità di Comandante superiore delle SS e della polizia. Globočnik non perse tempo e si mise subito al lavoro istituendo il campo di detenzione e di polizia della Risiera di San Sabba che venne dotato di un forno crematorio, unico caso nella nostra penisola.

Il compito principale di Globočnik consisteva nel combattere i partigiani, ma iniziò anche l’opera di persecuzione degli ebrei italiani: di questi 1450 transitarono per la Risiera di San Sabba prima di essere deportati nei campi di sterminio nell’Europa centrale. Le vittime di questo lager, posto a ridosso della città, che assolse a molteplici funzioni oltre a quello di smistamento per gli ebrei servì anche come campo di raccolta dei beni razziati alla comunità ebraica, luogo di detenzione e tortura dei partigiani italiani e slavi sono stimate tra le 3000 e le 5000 persone, per la maggior parte partigiani e ostaggi, sloveni e croati ma anche italiani, oltre ad almeno 28 ebrei.

Nella primavera del 1945, quando ormai la sconfitta per il Terzo Reich appariva inevitabile Globočnik, per sfuggire alla cattura si ritirò dapprima in Carinzia, e di lì nella zona di Weißensee, in compagnia di alcuni membri del proprio staff. Dopo la resa della Germania nei primi giorni di maggio tentò di fuggire attraverso l’Austria, ma venne catturato il 31 maggio 1945 in Carinzia da un reparto del 4th Queen’s Own Hussars,

Condotto a Paternion si suidico prima che venisse sotto all’interrogatorio, ingerendo una capsula di cianuro. Il suo corpo venne cremato e le sue ceneri disperse senza alcuna cerimonia in un luogo imprecisato fuori dalla chiesa locale. Grazie per aver letto il nostro post e con la speranza che lo abbiate apprezzato e vogliate continuare a seguirci, Vi salutiamo e diamo appuntamento al prossimo.

1 risposta »

  1. Avrebbe meritato, una morte simile a quella inflitta alle sue vittime.

    Suggerire: togliere con la speranza di avere letto.
    Voi state illustrando la storia.
    Cordialità m fornaroli

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.