2^ G.M. Campagna d'Italia

I goumiers francesi si prendono il loro “bottino di guerra”. L’inferno in Ciociaria nel fine maggio 1944

“Soldati! Questa volta non è solo la libertà delle vostre terre che vi offro se vincerete questa battaglia. Alle spalle del nemico vi sono donne, case, c’è un vino tra i migliori del mondo, c’è dell’oro. Tutto ciò sarà vostro se vincerete. Dovrete uccidere i tedeschi fino all’ultimo uomo e passare ad ogni costo. Quello che vi ho detto e promesso mantengo. Per cinquanta ore sarete i padroni assoluti di ciò che troverete al di là del nemico. Nessuno vi punirà per ciò che farete, nessuno vi chiederà conto di ciò che prenderete ” 

Questo era il testo di un volantino attribuito al generale francese Alphonse Juin, comandante del CEF Corps expéditionnaire français operante in Italia al seguito del gruppo di armate alleato comandante dal generale inglese Alexander. Formato da circa 130 mila uomini, inquadrato in quattro divisioni, si caratterizzava per la presenza di circa 12 mila goumier, soldati di origine marocchina ed algerina specializzati nella guerra di montagna, organizzati in piccoli raggruppamenti, denominati goum, posti al comando di un ufficiale francese.

Dopo la fine della durissima battaglia di Cassino, con il conseguente ritiro delle forze germaniche verso nord e pochi giorni prima della conquista di Roma da parte delle armate britanniche, i “goumiers” scatenarono un vero e proprio inferno in Ciociaria razziando ogni bene gli capitasse sotto mano, stuprando migliaia di donne e uccidendo anche molti civili che si ribellarono alle loro angherie. Questa è la storia completa di quei terribili fatti:

75 anni fa fine maggio 1944, l’inferno in Ciociaria. Le 50 ore dei Goumiers e gli stupri di massa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.