Le Ricorrenze delle Forze Armate

24 maggio, la festa della Fanteria Italiana

Il 24 maggio nel giorno in cui ricorre l’anniversario dell’entrata nella Grande Guerra dell’Italia contro l’Austria-Ungheria avvenuta nel 1915, si celebra la festa dell’Arma di Fanteria, la “Regina delle Battaglie”. Essa è la prima Arma dell’Esercito Italiano e impiega combattenti appiedati, detti appunto i fanti. Viene considerata come l’ossatura della forza armata in quanto la maggioranza dei suoi reparti di manovra appartengono a quella che viene considerata “Arma base”.

mostreggiature-fanteria-italiana

​L’Arma di Fanteria si compone di 5 specialità:

  • Granatieri
  • Bersaglieri
  • Alpini
  • Paracadutisti
  • Lagunari

I Carristi sono stati una specialità della Arma di fanteria dal 1927 al 1999, oggi sono specialità dell’Arma di Cavalleria.

Il simbolo principale della spessa sono una coppia di fucili incrociati, sormontati da una bomba con fiamma diritta. Esso viene indossato da tutto il personale appartenente ai reggimenti di fanteria, ai reggimenti addestramento reclute e volontari, alla Scuola di Fanteria. La formazione e l’addestramento della fanteria sono curate dalla Scuola di Fanteria, che ha sede a Cesano di Roma, il cui generale comandante assume anche il titolo di ispettore per l’Arma di Fanteria.

La Fanteria è una delle sei Armi che dipendono dall’Esercito Italiano, le altre sono l’Arma di Cavalleria, dell’Artiglieria, del Genio, delle Trasmissioni e dei trasporti. Il patrono dell’Arma di Fanteria è San Martino di Tours, vescovo cristiano del IV secolo. Originario della Pannonia, nell’odierna Ungheria, esercitò il suo ministero nella Gallia del tardo impero romano. La festa di San Martino a cui sono dedicate 900 chiese in Italia si celebra l’11 novembre, giorno dei suoi funerali avvenuti nell’odierna Tours.

Per chi volesse approfondire la gloriosa storia della Fanteria italiana consigliamo il libro scritto da vari autori Storia della fanteria italiana di cui sotto riportiamo la recensione completa:

Storia della fanteria italiana Questo libro racconta la storia della Fanteria italiana dagli inizi del 1800 fino ai nostri giorni, partendo dalle battaglie risorgimentali e dalle motivazioni ideali che le hanno ispirate. Nella prima guerra mondiale i fanti combatterono come protagonisti assoluti su tutti i fronti, dalle Giudicane, alle Dolomiti, all’Isonzo, sul Monte Grappa fino al Piave ed alla battaglia finale di Vittorio Veneto. I fanti furono anche i protagonisti della seconda guerra mondiale dove combatterono in condizioni di inferiorità di mezzi in Africa, in Russia, nei Balcani, fino alla liberazione del Paese. II libro racconta anche la storia della Fanteria durante la Guerra Fredda, schierata a nord est a difesa dei confini. Infine si conclude con la situazione di oggi, ampiamente mutata da ogni punto di vista. Troppo spesso in pubblicazioni relative alla storia del nostro Paese, della Fanteria non si parla oppure in modo marginale e incompleto. L’obiettivo di questo libro è quello di recuperare e far riemergere la storia dei Fanti, finora immotivatamente trascurata.

1 risposta »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.