2^ G.M. Africa Settentrionale

Medaglie d’Oro della 2ª Guerra Mondiale – Colonnello pilota FULVIO SETTI – Cielo del Mediterraneo e della Tunisia, 5 – 6 – 7 – 8 maggio 1943

Nome Fulvio Setti
Data e luogo di nascita Modena, 16 febbraio 1914
Forza armata Regia Aeronautica
Specialità Trasporto
Squadra o stormo
Reparto Servizi Aerei Speciali
Unità “Gruppo C” del S.A.S. basato sull’aeroporto del Littorio, a Roma-Urbe
Grado Colonnello pilota
Guerre
  • Seconda Guerra Mondiale (Africa Settentrionale)
Data e Luogo di morte Modena, 19 marzo 1991
Motivazione della Medaglia d’Oro

«Giovane ed abile pilota d’aeroplano ha compiuto intensa ed avventurosa attività di guerra. Comandante di una pattuglia di aerei da trasporto, dopo aver visto cadere in acqua tutti i suoi gregari, colpiti dalla caccia nemica, benché in difficili condizioni di volo per gravi avarie da colpi ricevuti, proseguiva il viaggio sul mare sotto la minaccia di nuovi attacchi, anziché atterrare in un’isola vicina. Impossibilitato a proseguire per arresto di un motore, con abile manovra prendeva terra su una spiaggia e si preoccupava subito del salvataggio dei compagni naufraghi, della consegna del carico, della riparazione del velivolo e dell’apprestamento del terreno per la partenza. Per tre giorni successivi lottava con indomabile energia contro l’avverso destino che sovrastava le nostre forze armate allo scopo di rimettere in efficienza il proprio velivolo e rifiutava di prendere posto assieme ad altri ufficiali piloti su di un aereo diretto in Patria. Riusciva poscia a sottrarsi alla cattura delle travolgenti forze nemiche e arrischiando gravi incidenti di volo si metteva al pilotaggio di un aereo in riparazione mancante di strumenti e di seggiolini mentre l’aviazione nemica sorvegliava costantemente e con bombe e mitraglia impediva ogni movimento sui nostri campi. Raggiunto il proprio velivolo nuovamente colpito ne effettuava risolutamente il trasporto di notte e senza l’ausilio di alcuna luce egli che non era addestrato al volo notturno. Portava così in salvo il proprio equipaggio e numerosi altri militari. Esempio d’inflessibile forza d’animo sorretta e guidata da indomabile coraggio.»

Cielo del Mediterraneo e della Tunisia, 5 – 6 – 7 – 8 maggio 1943
— Decreto Legislativo 1 febbraio 1945

Altre decorazioni e riconoscimenti
  • Medaglia d’argento al valor militare
    (Cielo dell’Africa Settentrionale e del Mediterraneo 30 maggio 1942 – 28 febbraio 1943 — 22 dicembre 1945)
  • Croce di guerra al valor militare
    (Cielo del Mediterraneo e della Tunisia, 5-6-7-8 maggio 1943)
  • Croce di guerra al Valore Militare (Cielo dell’Africa Settentrionale e del Mediterraneo, 20 maggio 1942-28 febbraio 1943).
  • Nel 1996 gli fu intitolato il deposito dell’Aeronautica Militare di Modena.
  • La sezione dell’Associazione arma aeronautica di Montese (MO) è stata intitolata alla M.O.V.M. Fulvio Setti.

Dati tratti dal sito: https://it.wikipedia.org/wiki/Fulvio_Setti

Il 21 giugno del 2019, con un passaggio sopra i cieli modenesi delle Frecce Tricolori è stato inaugurato il monumento restaurato dedicato al “colonnello pilota Fulvio Setti, medaglia d’oro al valor militare e ai caduti dell’aria modenesi militari e civili”. Il Fiat G46 fulcro del monumento, che era esposto dal 26 marzo del 1995 nella zona dell’incrocio tra via Emilia ovest e viale Italia, a due passi dalla caserma Pisacane, dopo un attento e minuzioso restauro ha ritrovato i suoi colori originali.

Aereo Fulvio Setti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.