Onorificenze militari straniere

Le onorificenze militari della seconda guerra mondiale: 1) l’ordine della Vittoria dell’Unione Sovietica

Oggi iniziamo una nuova serie di post dedicato alle onorificenze militari concesse dalle forze armate straniere durante la seconda guerra mondiale. Il nostro primo post è dedicato a una delle più rare fra quelle concesse durante il più sconvolgente conflitto nella storia dell’umanità, l’ordine della Vittoria dell’Unione Sovietica.

Proposto dal Colonnello N. S. Neyelov, durante il giugno 1943, con il nome originale di Ordine per la Fedeltà alla Madrepatria, venne istituita a Mosca l’8 novembre 1943, fu la più alta onorificenza militare dell’U.R.S.S. e come ricordato sopra uno dei più rari Ordini del mondo. Esso sarà concesso solo a Generali e Marescialli, venti le concessioni totali che avessero condotto azioni vittoriose cui avessero preso parte una o più armate che avessero comportato:

“il successo di un’operazione su uno o più fronti risultante in un cambiamento radicale della situazione a favore dell’Armata Rossa”.

Nella sua storia, fu concesso venti volte a dieci personalità sovietiche, a cinque leader stranieri oltre ad un unico caso di revoca, quello assegnato a Leonid Il’ič Brežnev, che lo ebbe nel 1978, poi appunto revocato postumo nel 1989 per mancanza di requisiti. La prima volta l’ordine fu assegnato il 10 aprile 1944, ai Marescialli Aleksandr Michajlovič Vasilevskij e Georgij Konstantinovič Žukov e a Josif Stalin in quanto Comandante in Capo dell’Armata Rossa.

L’Ordine venne anche conferito ai Comandanti in Capo delle forze Alleate e tutti tranne il caso di  Brežnev, ottennero il riconoscimento durante la Seconda guerra mondiale. Come altre onorificenze Sovietiche, l’Ordine della Vittoria poteva essere concesso più volte alla stessa persona e questo successe per tre volte. Dopo la morte di un possessore di questa onorificenza, la decorazione doveva tornare allo Stato e oggi le medaglie sono conservate a Mosca nel palazzo del Cremlino.

Targa affissa nel Cremlino di Mosca che elenca tutti i destinatari dell'Ordine della Vittoria

La targa affissa nel Cremlino di Mosca che elenca tutti i destinatari dell’Ordine della Vittoria. A sinistra, i doppi destinatari (Vasilievsky, Zhukov, Stalin); a destra, i singoli destinatari (Antonov, Govorov, Konev, Malinovsky, Merechkov, Rokossovsky, Timoshenko, Tolbukhin); sotto i destinatari stranieri (Eisenhower, Montgomery, Rolya-Zhimersky, Tito, re Michele di Romania)

Sotto riportiamo l’elenco completo dei 20 destinatari della più alta onorificenza militare dell’Unione Sovietica con la data di conferimento:

  1.     10 aprile 1944           Unione Sovietica       Georgy Zhukov
  2.     10 aprile 1944           Unione Sovietica       Aleksandr Vasilevsky
  3.     10 aprile 1944           Unione Sovietica        Joseph Stalin
  4.     30 Marzo 1945          Unione Sovietica        Konstantin Rokossovsky
  5.     30 Marzo 1945          Unione Sovietica        Ivan Konev
  6.     19 aprile 1945           Unione Sovietica        Aleksandr Vasilevsky  (2ª assegnazione)
  7.     26 aprile 1945           Unione Sovietica        Rodion Malinovsky
  8.     26 aprile 1945           Unione Sovietica        Fyodor Tolbukhin
  9.     31 maggio 1945        Unione Sovietica        Leonid Govorov
  10.     31 maggio 1945        Unione Sovietica        Georgy Zhukov (2ª assegnazione)
  11.       4 giugno 1945         Unione Sovietica        Semyon Timoshenko
  12.       4 giugno 1945         Unione Sovietica        Aleksei Antonov
  13.       5 giugno 1945         Regno Unito                Bernard Montgomery
  14.    10 giugno 1945         Stati Uniti                     Dwight D. Eisenhower
  15.    26 giugno 1945         Unione Sovietica        Joseph Stalin (2ª assegnazione)
  16.      6 Luglio 1945          Regno di Romania      Michele I di Romania
  17.      9 agosto 1945          Polonia                         Michał Rola-Żymierski
  18.     8 settembre 1945    Unione Sovietica         Kirill Afanas’evič Mereckov
  19.     9 settembre 1945    Rep. di Jugoslavia       Josip Broz Tito
  20.   20 febbraio 1978      Unione Sovietica         Leonid Brezhnev (revocata)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.