2^ G.M. La guerra civile 1943-45

Medaglie d’Oro della 2ª Guerra Mondiale – Partigiano TERZO LORI – Biserno di Santa Sofia (Forli), 12 aprile 1944

Nome Terzo Lori
Data e luogo di nascita Alfonsine (Ravenna), 4 luglio 1913
Pseudonimo o nome di battaglia
Brigata 1ª Brigata del Gruppo Brigate Garibaldi “Romagna” Lori era commissario politico della 12ª Compagnia
Data e Luogo di morte Biserno di Santa Sofia (Forli), 12 aprile 1944
Motivazione della Medaglia d’Oro

«Commissario di guerra di una compagnia partigiana, alla testa di quaranta compagni organizzava la resistenza di un posto avanzato per ritardare la marcia di una grande unità tedesca. Attaccato da forze preponderanti rispondeva col fuoco delle poche armi di cui disponeva alla massa di fuoco nemico, riuscendo con la sua indomita passione ad infervorare i compagni che valorosamente seppero tener fronte alla travolgente avanzata dell’avversario. Ferito una prima volta non volle abbandonare il suo posto di combattimento e nel momento in cui era per essere sopraffatto dal nemico, levatosi in atto di suprema sfida, cadeva mortalmente colpito da una raffica di mitraglia, trovando negli spasimi dell’agonia la forza di rivolgere il suo ultimo saluto alla Patria.».»
— Biserno, 12 aprile 1944

Riconoscimenti In onore di Terzo Lori, nel 1944 fu intitolato un Distaccamento della 28ª Brigata Garibaldi “Mario Gordini” operante nel ravennate, comandata da Alberto Bardi (Falco).

Dati tratti da wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/Terzo_Lori

Nell’aprile del 1944, prese avvio una vasta operazione di rastrellamento nella valle del Bidente, nel quadrilatero Premilcuore-Pennabilli-Sansepolcro-Consuma, condotta da consistenti reparti della Guardia Nazionale Repubblicana e militari germanici della Divisione “Hermann Göring” con l’utilizzo di mortai e mezzi blindati.

I partigiani provarono ad ingaggiare battaglia ma nulla potevano contro un tale dispositivo militare e dopo aver subito perdite pesanti, si sganciarono lasciando in retroguardia la 12ª compagnia comandata da Amos Calderoni e di cui Terzo Lori era commissario politico. Al reparto venne affidato l’incarico di resistere ad ogni costo presso Biserno (frazione di Santa Sofia), per dar tempo al grosso della formazione di partigiani di sganciarsi.

La compagnia resitette a ripetuti attacchi portati dal nemico, finché Calderoni, “rimasto con tre soli superstiti, ordinò loro di raggiungere il Comando della Brigata aggiungendo: “Difenderò io la vostra ritirata.” venendo infine sopraffatto dal nemico ed in seguito decorato con Medaglia d’Oro al Valor Militare. Nel corso della stessa azione trovò la morte anche Terzo Lori anch’egli decorato con Medaglia d’Oro.

1 risposta »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.