2^ G.M. I bollettini di Guerra

I bollettini di guerra del 13 ottobre 1940-41-42

Il Bollettino del Quartier Generale delle Forze armate venne diramato in Italia a partire dall’ 11 giugno 1940, giorno in cuiper un totale di 1.201 comunicati. Esso, come venne indicato nelle disposizioni ufficiali, a partire dal 15 giugno 1940, sarà diramato alle ore 13 e conterrà tutto quanto concernente lo svolgimento delle operazioni sino alle ore 24 del giorno precedente.

Il 19 novembre 1940 venivano diramate con il Foglio di disposizioni n. 5 del P.N.F. le direttive riguardo al contegno da tenere durante l’ascolto del Bollettino di guerra, che prescriveva fra l’altro:

Nei pubblici ritrovi, allorchè viene trasmesso per radio il Bol­lettino di guerra, i fascisti presenti lo ascoltino in piedi. Il pubblico non tarderà a uniformarsi a questa esempio di compren­sione e di stile.

Noi abbiamo scelto di pubblicare gli stessi, raggruppando in un unico post tutti i bollettini emessi in quel giorno specifico, per tutti gli anni del conflitto mondiale.

  • Bollettino n. 128

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 13 ottobre 1940:

Nostre siluranti in pattuglia nel canale di Sicilia hanno arditamente attaccato durante la notte tra 1’11 e il 12 corrente notevoli forze navali inglesi nelle vicinanze di Malta. Un incrociatore nemico proba­bilmente del tipo Neptune è affondato; altri gravi danni sono stati inflitti alle unità avversarie, che si sono successivamente allontanate. Noi abbiamo perduto due torpediniere da 600 tonnellate l’una e un caccia da 1400 tonnellate. Gran parte degli equipaggi sono stati sal­vati. Nelle prime ore del mattino nostre formazioni aeree, partite alla ricerca delle unità avversarie, le raggiungevano mentre si dirigevano verso levante e le sottoponevano ad intensa azione di bom­bardamento. Nonostante la violentissima reazione delle artiglierie delle navi, quella degli aerei levatisi in volo dalla nave portaerei che faceva parte della formazione navale nemica e le avverse condizioni atmosferiche, la nostra aviazione poteva conseguire notevoli risultati. La nave portaerei è stata colpita a prua da una bomba di grosso ca­libro e un incrociatore pesante è stato danneggiato sulla fiancata si­nistra. Due velivoli da caccia nemici sono stati abbattuti; un nostro velivolo non è rientrato.

Nell’Africa settentrionale nostre colonne celeri spintesi fino a 30 chilometri ad est di Sidi el Barrani si sono scontrate con piccole unità di carri armati ed autoblindate avversarie, che hanno ricacciato. La nostra aviazione ha bombardato durante la notte il campo di aviazione di Maaten Bagush e gli impianti di el Dabà (est di Marsa Matruh) con evidenti risultati; malgrado la violenta reazione contraerea, tutti i nostri velivoli sono rientrati. Incursioni aeree nemiche su Bardia e sui porti di Derna e di Tobruk hanno causato lievi danni; nessuna vittima. La nostra caccia, in crociera sul cielo di Tobruk, ha intercettato una formazione aerea nemica abbattendo un velivolo tipo Blenheim e colpendone gravemente altri due.

Nell’Africa orientale nostre pattuglie hanno respinto elementi avversari autotrasportati che si dirigevano verso il confine eritreo. La nostra aviazione ha bombardato opere fortificate nemiche a Lod­war (ovest del lago Rodolfo), le opere aeroportuali di Wajir e, sul Mar Rosso, un incrociatore nemico da 10.000 tonnellate di scorta ad un convoglio. Tutti i nostri velivoli sono rientrati. Aerei nemici han­no lanciato bombe su Gura, Neghelli, Asmara ed el Uasch; nessuna vittima, danni lievissimi.

  • Bollettino n. 498

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 13 ottobre 1941:

Sul fronte di Tobruk l’avversario ha rinnovato tentativi d’attacco che sono stati immediatamente repressi dal pronto intervento di fuoco delle nostre truppe.

Aerei nazionali e germanici hanno ancora bombardato con successo obiettivi della Piazza nonché impianti ferroviari e aeroporti di Marsa Matruh provocando nuove distruzioni.

L’aviazione nemica ha effettuato incursioni su Bengasi e Tripoli; le bombe lanciate hanno colpito alcune abitazioni e causato un solo ferito.

Nello scacchiere di Gondar nostri reparti in ricognizione hanno volto in fuga elementi avanzati nemici.

  • Bollettino n. 870

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 13 ottobre 1942:

La giornata é trascorsa calma sul fronte egiziano.

Nei pressi di Tobruk nostri cacciatori hanno intercettato una forma­zione di quadrimotori americani abbattendone uno in fiamme; un altro velivolo nemico veniva distrutto da aviatori germanici, mentre un terzo precipitava colpito dal tiro delle armi, di un nostro reparto del genio.

Unità aeree dell’Asse hanno rinnovato intense azioni di bombarda­mento sugli aeroporti di Malta, inquadrandone ripetutamente gli obiettivi; nel cielo dell’isola l’aviazione nemica perdeva in combat­timento 15 Spitfire.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.