2^ G.M. I bollettini di Guerra

I bollettini di guerra del 30 settembre 1940-41-42

Il Bollettino del Quartier Generale delle Forze armate venne diramato in Italia a partire dall’ 11 giugno 1940, giorno in cui venne emesso il n° 1, fino al tragico 8 settembre 1943, per un totale di 1.201 comunicati. Esso, come venne indicato nelle disposizioni ufficiali, a partire dal 15 giugno 1940, sarà diramato alle ore 13 e conterrà tutto quanto concernente lo svolgimento delle operazioni sino alle ore 24 del giorno precedente.

Il 19 novembre 1940 venivano diramate con il Foglio di disposizioni n. 5 del P.N.F. le direttive riguardo al contegno da tenere durante l’ascolto del Bollettino di guerra, che prescriveva fra l’altro:

Nei pubblici ritrovi, allorchè viene trasmesso per radio il Bol­lettino di guerra, i fascisti presenti lo ascoltino in piedi. Il pubblico non tarderà a uniformarsi a questa esempio di compren­sione e di stile.

Noi abbiamo scelto di pubblicare gli stessi, raggruppando in un unico post tutti i bollettini emessi in quel giorno specifico, per tutti gli anni del conflitto mondiale.

  • Bollettino n. 115

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 30 settembre 1940:

Nel Mediterraneo orientale un sommergibile nemico ha silurato un nostro piccolo piroscafo di 700 tonnellate; la torpediniera Cosenz di scorta attaccava con bombe il sommergibile, che affiorava rove­sciato sul fianco e poscia affondava. L’equipaggio del piroscafo è stato tratto in salvo al completo.

Una nostra formazione aerea ha bombardato una squadra navale nemica presso le coste della Marma­rica malgrado la violenta reazione contraerea delle navi, che abbat­teva un nostro velivolo. La caccia nemica, levatasi da una nave por­taerei, veniva a sua volta attaccata dai nostri velivoli: tre aerei ne­mici, del tipo Hurricane, sono stati abbattuti in combattimento. Un’altra formazione di aerosiluranti riusciva nel frattempo a colpire una nave da battaglia nemica con un siluro verso la poppa. La nave arrestava il movimento e veniva subito circondata dai cacciatorpedi­niere nemici. Una terza formazione aerea ha nuovamente bombardato i depositi ed i magazzini del porto di Caifa; la caccia nemica attac­cava i nostri velivoli che reagivano abbattendo un aereo avversario che cadeva in mare.

Nell’Africa orientale azioni aeree nemiche su Bur Gavo (Somalia), Gura, Assab e Passo Carrin: un indigeno è stato ferito.

  • Bollettino n. 485

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 30 settembre 1941:

Nell’Africa settentrionale, sul fronte di Tobruk, un tentativo di attacco nemico, preceduto da preparazione di artiglieria, è stato pron­tamente stroncato. Aerei germanici hanno bombardato, il giorno 27, attendamenti e depositi materiali della piazza di Tobruk provocando notevoli esplosioni ed incendi. Nostri aerei nella notte sul 29 hanno bombardato obiettivi militari in zona Tobruk e Marsa Matruh con evidenti risultati.

Nell’Africa orientale intensa attività di nostri reparti avanzati nei vari capisaldi dello scacchiere di Gondar.

Aerei nemici hanno ieri mitragliato e spezzonato gli aeroporti di Cagliari e di Catania causando qualche danno e nessuna vittima; a Cagliari un velivolo è stato abbattuto dalla difesa contraerea ed uno dalla caccia.

In Mediterraneo un apparecchio della ricognizione marittima ha so­stenuto un duro combattimento contro sei cacciatori britannici ab­battendone tre. Veniva infine sopraffatto: parte dell’equipaggio è stata salvata. Altro aereo della ricognizione marittima assalito da due Blenheim ne abbatteva uno rientrando incolume.

  • Bollettino n. 856

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 30 settembre 1942:

Sul fronte dell’Egitto nessun avvenimento di rilievo.

In duelli aerei cacciatori tedeschi abbattevano 6 velivoli avversari: un altro apparecchio veniva distrutto dalle batterie contraeree di Tobruk.

Una incursione nemica su Porto Empedocle e località vicine ha causato 16 morti e 13 feriti tra la popolazione e danneggiato alcune abitazioni.

Aeroplani britannici hanno sganciato bombe su La Canea e sulla baia di Suda (Creta): non sono segnalati danni

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.