2^ G.M. I bollettini di Guerra

I bollettini di guerra del 28 agosto 1940-41-42-43

Il Bollettino del Quartier Generale delle Forze armate venne diramato in Italia a partire dall’ 11 giugno 1940, giorno in cui venne emesso il n° 1, fino al tragico 8 settembre 1943, per un totale di 1.201 comunicati. Esso, come venne indicato nelle disposizioni ufficiali, a partire dal 15 giugno 1940, sarà diramato alle ore 13 e conterrà tutto quanto concernente lo svolgimento delle operazioni sino alle ore 24 del giorno precedente.

Il 19 novembre 1940 venivano diramate con il Foglio di disposizioni n. 5 del P.N.F. le direttive riguardo al contegno da tenere durante l’ascolto del Bollettino di guerra, che prescriveva fra l’altro:

Nei pubblici ritrovi, allorchè viene trasmesso per radio il Bol­lettino di guerra, i fascisti presenti lo ascoltino in piedi. Il pubblico non tarderà a uniformarsi a questa esempio di compren­sione e di stile.

Noi abbiamo scelto di pubblicare gli stessi, raggruppando in un unico post tutti i bollettini emessi in quel giorno specifico, per tutti gli anni del conflitto mondiale.

  • Bollettino n. 82

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 28 agosto 1940:

Il centro petroliero di Caifa è stato ieri in pieno giorno violente­mente bombardato da nostre formazioni aeree. Sono state colpite la stazione ferroviaria e la nuova raffineria, provocando ovunque vasti incendi. Tutti i nostri velivoli sono rientrati.

Nell’Africa settentrio­nale il nemico ha effettuato un attacco aereo in forze su Derna. È stato colpito un piccolo piroscafo che trasportava legname; danni lievi altrove; due morti e cinque feriti.

Nell’Africa orientale incur­sioni aeree nemiche hanno avuto luogo ad Harar, dove è stato col­pito l’ospedale militare indigeno, ed a Dessiè dove è stata colpita l’infermeria presidiaria; complessivamente sono stati causati otto morti ed una ventina di feriti. Un velivolo nemico è stato abbattuto. A Massaua è stata colpita, con lievi danni, una casa di pena; vi sono nove morti tra i detenuti.

Aerei nemici, sempre provenienti dalla frontiera svizzera, hanno eseguito incursioni sul Piemonte e sulla Lombardia; in seguito all’efficace intervento della difesa aerea e con­traerea si sono limitati a lanciare qualche spezzone incendiario presso Nichelino, in provincia di Torino, incendiando un cascinale.

  • Bollettino n. 450

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 28 agosto 1941:

Nella giornata di ieri l’aviazione dell’Asse ha svolto intense azioni contro la piazza di Tobruk: consistenti formazioni da bombarda­mento italiane e germaniche, scortate dalla nostra caccia, hanno efficacemente colpito impianti portuali, batterie ed altri apprestamenti. Nel cielo di Sidi el Barrani, cacciatori germanici hanno abbattuto due apparecchi britannici del tipo Curtiss. Reparti aerei nazionali han­no bombardato posizioni nemiche nell’oasi di Giarabub.

Sul fronte terrestre di Tobruk, intensa attività di reparti avanzati e tiri di artiglieria.

Su Tripoli e Bengasi, rinnovati attacchi dell’aviazione inglese. Nell’Africa orientale, la violenta azione nemica contro Uolchefit è stata contenuta dalla tenace resistenza delle nostre truppe, appog­giate dal nutrito fuoco delle artiglierie e dall’efficace intervento dei nostri arditi aviatori. .

In successive azioni, compiute nel Mediterraneo, aerosiluranti della R. Aeronautica hanno attaccato e colpito due unità navali britan­niche: un incrociatore leggero ed un incrociatore ausiliario da 12 mila tonnellate. Un nostro apparecchio non è rientrato.

  • Bollettino n. 823

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 28 agosto 1942:

Puntate di reparti esploranti avversari, appoggiate da vivo fuoco di artiglieria, sono state respinte sul fronte egiziano. Cacciatori germa­nici hanno abbattuto in combattimento 3 velivoli nemici. Incursioni aeree sono state condotte su Gela e Comiso da apparecchi britannici, uno dei quali, centrato dalle batterie della difesa, precipi­tava in fiamme nei dintorni di Comiso, mentre un altro gravemente colpito veniva costretto ad atterrare presso Marina di Ragusa: il pi­lota é stato catturato. Sono stati segnalati un morto ed alcuni feriti fra la popolazione civile e danni non gravi.

  • Bollettino n. 1.191

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 28 agosto 1943:

Nell’Alto Tirreno il sommergibile inglese Saracen, di cui l’Ammi­ragliato britannico ha annunciato la perdita, é stato inutilizzato il 14 agosto, a seguito di violenta caccia, dalla R. corvetta Minerva co­mandata dal tenente di vascello Mario Baroglio da Casal Monfer­rato. Risultano catturati 5 ufficiali, compreso il comandante e 41 uomini d’equipaggio.

Velivoli germanici colpivano con bombe navi alla fonda nella rada di Augusta, danneggiando 3 piroscafi per complessive 18 mila ton­nellate, un incrociatore ed una unità speciale da trasporto. Taranto, Cosenza, Terni ed alcune località delle province di Napoli e Cosenza hanno subito incursioni da parte di grossi reparti aerei; le formazioni nemiche, prontamente affrontate dall’aviazione della difesa, perdevano in aspri ripetuti scontri 24 apparecchi dei quali 16 abbattuti dai nostri cacciatori e 8 da quelli germanici; altri 5 preci­pitavano colpiti dalle batterie contraeree.

Tre caccia americani venivano distrutti da aviatori tedeschi nel cie­lo della Sardegna.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.