2^ G.M. I bollettini di Guerra

I bollettini di guerra del 24 agosto 1940-41-42-43

Il Bollettino del Quartier Generale delle Forze armate venne diramato in Italia a partire dall’ 11 giugno 1940, giorno in cui venne emesso il n° 1, fino al tragico 8 settembre 1943, per un totale di 1.201 comunicati. Esso, come venne indicato nelle disposizioni ufficiali, a partire dal 15 giugno 1940, sarà diramato alle ore 13 e conterrà tutto quanto concernente lo svolgimento delle operazioni sino alle ore 24 del giorno precedente.

Il 19 novembre 1940 venivano diramate con il Foglio di disposizioni n. 5 del P.N.F. le direttive riguardo al contegno da tenere durante l’ascolto del Bollettino di guerra, che prescriveva fra l’altro:

Nei pubblici ritrovi, allorchè viene trasmesso per radio il Bol­lettino di guerra, i fascisti presenti lo ascoltino in piedi. Il pubblico non tarderà a uniformarsi a questa esempio di compren­sione e di stile.

Noi abbiamo scelto di pubblicare gli stessi, raggruppando in un unico post tutti i bollettini emessi in quel giorno specifico, per tutti gli anni del conflitto mondiale.

  • Bollettino n. 77

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 24 agosto 1940:

Nell’Africa settentrionale durante la notte sul 23 sono stati sottoposti a violenti e prolungati bombardamenti aerei il campo di aviazione di Sidi Barrani, apprestamenti nemici nella zona di Marsa Matruh e la base navale di Alessandria. Ovunque sono stati constatati note­voli effetti con vasti incendi. Tutti i nostri velivoli sono rientrati alle basi.

Nel golfo di Bomba il 22 agosto una formazione di aerei silu­ranti inglesi ha attaccato un nostro sommergibile che usciva dalla rada e lo ha colpito con un siluro. La maggior parte dell’equipaggio è stata salvata. Il sommergibile potrà essere ricuperato. Un velivolo nemico é stato abbattuto.

(In realtà il sommergibile venne affondato. L’affondamento del sommergibile Iride )

Nell’Africa orientale nostre formazioni aeree hanno eseguito un efficacissimo bombardamento notturno sull’aeroporto di Cartum, provocando ingenti distruzioni nelle aviori­messe ed un vastissimo incendio. Tutti i nostri velivoli sono rientrati. Il nemico ha eseguito incursioni aeree su Massaua, Berbera e Debel senza causare vittime né danni.

  • Bollettino n. 446

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 24 agosto 1941:

In Cirenaica, sul fronte di Tobruk, notevole attività delle artiglierie e dell’aviazione dell’Asse. Formazioni aeree germaniche hanno effi­cacemente bombardato batterie contraeree della Piazza e navi alla fonda. La nostra caccia ha abbattuto un apparecchio nemico.

Velivoli britannici hanno bombardato Bengasi, causando qualche danno.

Nell’Africa orientale nuove incursioni di aerei avversari sulle posi­zioni di Uolchefit. Attività costante dei nostri reparti, che hanno eseguito puntate offensive entro le linee nemiche.

La scorsa notte unità della R. Aeronautica hanno bombardato l’aero­porto di Micabba (Malta), provocando numerosi incendi.

  • Bollettino n. 819

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 24 agosto 1942:

In Egitto scontri di pattuglie si sono risolti a nostro vantaggio; al­cuni mezzi meccanizzati venivano distrutti durante il tentativo di avvicinarsi alle nostre linee.

L’aviazione nemica ha perduto in combattimento 7 apparecchi: 5 abbattuti da cacciatori italiani e 2 da quelli tedeschi; un altro ve­livolo è stato distrutto dalla difesa della piazza di Tobruk.

Su Gela aerei avversari hanno effettuato ieri una incursione; sono segnalati 4 morti e 3 feriti fra la popolazione civile, lievi danni ad alcuni fabbricati.

  • Bollettino n. 1.186

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 24 agosto 1943:

Velivoli germanici da bombardamento hanno attaccato navi alla fon­da nel porto di Palermo colpendo 11 unità mercantili e 3 da guerra: 2 piroscafi per complessive 9 mila tonnellate e due cacciatorpedi­niere sono da ritenere affondati.

Carbonia e località periferiche di Napoli e di Bari subivano incur­sioni aeree; tre apparecchi venivano abbattuti dalla caccia tedesca nella zona di Napoli e due precipitavano in fiamme presso S. Antioco (Cagliari) colpiti dal tiro delle artiglierie.

Nei dintorni di Crotone :si sono rinvenuti i resti di 7 velivoli distrutti dalle batterie contraeree nell’azione della notte sul 20, segnalata dal bollettino n. 1182.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.