2^ G.M. I bollettini di Guerra

I bollettini di guerra del 23 agosto 1940-41-42-43

Il Bollettino del Quartier Generale delle Forze armate venne diramato in Italia a partire dall’ 11 giugno 1940, giorno in cui venne emesso il n° 1, fino al tragico 8 settembre 1943, per un totale di 1.201 comunicati. Esso, come venne indicato nelle disposizioni ufficiali, a partire dal 15 giugno 1940, sarà diramato alle ore 13 e conterrà tutto quanto concernente lo svolgimento delle operazioni sino alle ore 24 del giorno precedente.

Il 19 novembre 1940 venivano diramate con il Foglio di disposizioni n. 5 del P.N.F. le direttive riguardo al contegno da tenere durante l’ascolto del Bollettino di guerra, che prescriveva fra l’altro:

Nei pubblici ritrovi, allorchè viene trasmesso per radio il Bol­lettino di guerra, i fascisti presenti lo ascoltino in piedi. Il pubblico non tarderà a uniformarsi a questa esempio di compren­sione e di stile.

Noi abbiamo scelto di pubblicare gli stessi, raggruppando in un unico post tutti i bollettini emessi in quel giorno specifico, per tutti gli anni del conflitto mondiale.

  • Bollettino n. 76

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 23 agosto 1940:

Il sommergibile inglese, di cui al bollettino n. 75, è stato affondato dalla torpediniera Papa. Detto sommergibile ha lanciato ben tre si­luri senza alcun risultato contro la torpediniera. Con pronta mano­vra questa si è gettata contro il sommergibile per speronarlo, but­tando quindi numerose bombe di profondità. Il sommergibile, irre­parabilmente colpito, è venuto a galla mostrando la chiglia e poco dopo si è inabissato. Il porto di Alessandria d’Egitto è stato nuova­mente bombardato da una nostra formazione aerea. Altra forma­zione aerea, individuato un convoglio nemico scortato da due caccia torpediniere naviganti nel Mediterraneo orientale, lo ha sottoposto ad intenso bombardamento. In entrambe le azioni, tutti i nostri aerei sono rientrati. Incursioni aeree, scarsamente redditizie, sono state compiute dal nemico, in Africa settentrionale, a Bomba ed a Derna ove si sono avuti un morto e cinque feriti. Altre incursioni, nell’Africa orientale, a Mogadiscio, ove si sono avuti cinque feriti tra gli ascari e cinque tra i nativi e sono state colpite due aviorimesse, in cui erano ricoverati quattro autocarri; a Massaua e all’isola di Harmil (Massaua), ove non si sono avuti ne perdite né danni.

  • Bollettino n. 445

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 23 agosto 1941:

le vittoriose azioni aeree contro le unità navali nemiche e gli obiet­tivi della piazza di Tobruk, citate nel bollettino di ieri ed alle quali hanno anche preso parte formazioni da caccia nazionali, sono da aggiungersi nuovi brillanti successi dei cacciatori tedeschi, i quali hanno abbattuto in combattimenti altri dieci apparecchi britannici. Velivoli inglesi hanno compiuto incursioni sulle città di Tripoli e Derna, senza conseguenze di rilievo. A Bardia la nostra difesa ha colpito e fatto precipitare due bombardieri nemici.

In Africa orientale, vivaci azioni di artiglieria e scontri favorevoli alle nostre truppe nei diversi settori dello scacchiere di Gondar: il nemico é stato dovunque respinto ed ha abbandonato sul terreno numerosi morti; sono state catturate armi ed abbondanti munizioni.

  • Bollettino n. 818

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 23 agosto 1942:

Anche nella giornata di ieri l’attività di pattuglie si è mantenuta vivace sul fronte egiziano; puntate di elementi corazzati avversari sono state respinte.

L’aviazione nemica ha svolto azioni di disturbo sulle nostre retrovie senza causare danni; dalla caccia tedesca 4 degli apparecchi attacanti venivano abbattuti.

Il tiro contraereo di nostre unità di scorta ad un convoglio ha cen­trato e fatto precipitare in mare un velivolo inglese, il cui equipag­gio è stato catturato.

  • Bollettino n. 76

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 23 agosto 1943:

L’aviazione nemica ha effettuato incursioni sulla città di Salerno causando sensibili danni: impegnata in serrati combattimenti dalla caccia germanica, perdeva 13 aerei.

Nel corso di un’azione di mitragliamento compiuta da quattro ve­livoli sul porto di Prevesa (Grecia), il fuoco della difesa e delle unità della Marina distruggeva due degli apparecchi attaccanti. Nella notte sul 22 le artiglierie contraeree di Crotone facevano pre­cipitare 2 bombardieri nei dintorni della città ed uno in mare presso Capo Colonna.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.