2^ G.M. I bollettini di Guerra

I bollettini di guerra del 18 agosto 1940-41-42-43

Il Bollettino del Quartier Generale delle Forze armate venne diramato in Italia a partire dall’ 11 giugno 1940, giorno in cui venne emesso il n° 1, fino al tragico 8 settembre 1943, per un totale di 1.201 comunicati. Esso, come venne indicato nelle disposizioni ufficiali, a partire dal 15 giugno 1940, sarà diramato alle ore 13 e conterrà tutto quanto concernente lo svolgimento delle operazioni sino alle ore 24 del giorno precedente.

Il 19 novembre 1940 venivano diramate con il Foglio di disposizioni n. 5 del P.N.F. le direttive riguardo al contegno da tenere durante l’ascolto del Bollettino di guerra, che prescriveva fra l’altro:

Nei pubblici ritrovi, allorchè viene trasmesso per radio il Bol­lettino di guerra, i fascisti presenti lo ascoltino in piedi. Il pubblico non tarderà a uniformarsi a questa esempio di compren­sione e di stile.

Noi abbiamo scelto di pubblicare gli stessi, raggruppando in un unico post tutti i bollettini emessi in quel giorno specifico, per tutti gli anni del conflitto mondiale.

  • Bollettino n. 70

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 18 agosto 1940:

La giornata di ieri, quinta della sanguinosa battaglia per la conquista della Somalia britannica, ne ha segnato il punto culminante. Il ne­mico batte in ritirata su tutto il fronte. Abbiamo violentemente bom­bardato per oltre un’ora gli impianti portuali e le navi da guerra ancorate nel porto di Alessandria. Un apparecchio non è rientrato da questa azione; un altro non è rientrato da una ricognizione nel Mar Rosso.

  • Bollettino n. 440

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 17 agosto 1941:

Nell’Africa settentrionale l’aviazione dell’Asse ha conseguito altri successi. Apparecchi germanici hanno nuovamente attaccato i de­positi e le opere portuali di Tobruk, provocando incendi: una nave da 1000 tonnellate precedentemente colpita risulta affondata. Aerei italiani hanno efficacemente bombardato gli impianti di Marsa Ma­truh ed hanno affondato, nelle acque tra questa località e Sidi el Barrani, un mercantile scortato da unità da guerra.

Durante l’incursione su Bardia, citata nel bollettino di ieri, due aerei nemici costretti ad atterrare sono stati catturati intatti, con i rispet­tivi equipaggi, da reparti tedeschi.

Velivoli britannici hanno compiuto attacchi su Bengasi e contro un aeroporto avanzato dove la difesa contraerea ha abbattuto un ap­parecchio avversario.

In Africa orientale il nemico ha rinnovato incursioni aeree sulla piazza di Gondar e sulle posizioni avanzate del settore. Elementi avversari, che tentavano di avvicinarsi in corrispondenza dei capi­saldi di Uolchefit e Culquabert, sono stati dispersi con perdite.

Nel Mediterraneo centrale un nostro ricognitore veniva assalito da 5 Spitfire: nel combattimento che ne seguiva il nostro velivolo, ben­ché avariato e con feriti a bordo, è riuscito ad abbattere un appa­recchio avversario ed a rientrare alla base.

  • Bollettino n. 813

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 18 agosto 1942:

Sul fronte egiziano vivace fuoco delle artiglierie nemiche efficace­mente controbattuto dalle nostre. Qualche puntata di mezzi coraz­zati avversari è stata subito respinta.

Durante un’incursione notturna su Marsa Matruh, due dei tre bom­bardieri nemici partecipanti all’azione venivano abbattuti dalla di­fesa della Piazza; due Curtiss risultano distrutti in combattimento da cacciatori tedeschi ed un altro dalle batterie contraeree di una grande unità terrestre.

Velivoli dell’Asse hanno attaccato le basi aeronavali di Malta; su di un grosso mercantile che, gravemente danneggiato, procedeva a ri­morchio sono stati messi a segno nuovi colpi.

Roma è stata ieri posta in allarme poco dopo le ore 17 per l’en­trata in maglia di un apparecchio di nazionalità sconosciuta. La cac­cia, levatasi prontamente in volo,constatava trattarsi di un aereo francese.

In Atlantico un nostro sommergibile, al comando del capitano di fregata Giovanni Bruno, ha silurato e affondato la motonave inglese armata Medon, il piroscafo americano California, un terzo mercan­tile, pure armato, per complessive 18.885 tonnellate; ha inoltre col­pito altra motonave di 10.000 tonnellate.

  • Bollettino n. 1.180

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 18 agosto 1941:

La dura battaglia della Sicilia, che le truppe italo – tedesche hanno strenuamente combattuto per 40 giorni contro la soverchiante po­tenza delle forze anglo – americane di terra, del mare e del cielo è finita ieri. Gli ultimi reparti di retroguardia hanno abbandonato l’estrema punta nord – orientale dell’isola e raggiunto la costa cala­bra, dove erano stati in precedenza traghettati i feriti, 1e altre unità e buona parte dei materiali.

L’aviazione italo – germanica ha svolto notevole attività agendo effi­cacemente su navi nemiche alla fonda nella rada di Biserta e pro­vocando un incendio di vaste proporzioni nel porto di Siracusa; una petroliera, centrata da un nostro bombardiere presso l’isola dei Cani si è incendiata; aerosiluranti hanno colpito un incrociatore nemico nei pressi di Capo Passero e affondato un mercantile a nord di Bona, danneggiandone gravemente un altro dello stesso convoglio.

Due velivoli nemici risultano abbattuti dalla caccia.

Apparecchi avversari hanno sganciato bombe su Castrovillari, nel Salernitano e su alcune località del territorio di Napoli, provocando danni di qualche rilievo; una formazione nemica di quadrimotori, nel cielo dell’Italia settentrionale, ha perduto 3 velivoli abbattuti dalla difesa contraerea; un quarto apparecchio è precipitato a Hyères sotto il tiro delle nostre artiglierie.

Il capo equipaggio del bombardiere che ha incendiato la petroliera di cui al bollettino odierno è il tenente Guido Ferrari da Venezia.

Le incursioni citate dal bollettino di oggi hanno causato a Castro­villari 12 morti e 70 feriti.

Per le incursioni dei giorni 8, 13, 15 e 16 corrente sulla città di Mi­lano sono state finora accerta- te, tra la popolazione civile, 193 morti e 1069 feriti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.