2^ G.M. I bollettini di Guerra

I bollettini di guerra del 3 agosto 1940-41-42-43

Il Bollettino del Quartier Generale delle Forze armate venne diramato in Italia a partire dall’ 11 giugno 1940, giorno in cui venne emesso il n° 1, fino al tragico 8 settembre 1943, per un totale di 1.201 comunicati. Esso, come venne indicato nelle disposizioni ufficiali, a partire dal 15 giugno 1940, sarà diramato alle ore 13 e conterrà tutto quanto concernente lo svolgimento delle operazioni sino alle ore 24 del giorno precedente.

Il 19 novembre 1940 venivano diramate con il Foglio di disposizioni n. 5 del P.N.F. le direttive riguardo al contegno da tenere durante l’ascolto del Bollettino di guerra, che prescriveva fra l’altro:

Nei pubblici ritrovi, allorchè viene trasmesso per radio il Bol­lettino di guerra, i fascisti presenti lo ascoltino in piedi. Il pubblico non tarderà a uniformarsi a questa esempio di compren­sione e di stile.

Noi abbiamo scelto di pubblicare gli stessi, raggruppando in un unico post tutti i bollettini emessi in quel giorno specifico, per tutti gli anni del conflitto mondiale.

  • Bollettino n. 55

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 3 agosto 1940:

Da sicuri accertamenti risulta che l’incendio provocato a Caifa dal nostro recente bombardamento era ancora attivo dopo tre giorni. Nel Sudan, nostri aerei hanno bombardato gli impianti ferroviari di Porto Sudan, incendiando un deposito, ed il campo di aviazione di Gebeit dove sono stati causati gravi danni e colpiti al suolo una diecina di velivoli nemici. Nel Kenia, nei pressi di Buna, sono stati bom­bardati e mitragliati concentramenti di truppe e di automezzi. Nell’Africa settentrionale velivoli nemici hanno effettuato un’incursione a Bardia, senza provocare danni al materiale e causando alcune perdite tra le truppe. Durante un’incursione nemica sul campo di avia­zione di Cagliari, che ha causato un morto e tre feriti e lievissimi danni materiali, sono stati abbattuti due velivoli nemici. L’equipaggio di uno di essi é stato fatto prigioniero.

  • Bollettino n. 425

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 3 agosto 1941:

Reparti della Regia  Aeronautica hanno bombardato la base navale di Malta.

Nell’Africa settentrionale attività di artiglierie sul fronte di Tobruk. Nostre formazioni aeree hanno lanciato bombe dirompenti e incen­diarie sulla stazione ferroviaria di Marsa Matruh provocando incendi. Nell’Africa orientale le valorose truppe del presidio di Uolchefit hanno dato nuova prova del loro alto spirito e del loro magnifico slancio. Una forte colonna di tali truppe costituita essenzialmente di reparti nazionali, al comando del tenente colonnello Gonnella, ha effettuato una audace puntata offensiva riuscendo a penetrare profon­damente nelle linee dell’avversario al quale sono state inflitte gravi perdite.

Nel Mediterraneo un nostro aereo ha colpito con siluro una grossa unità nemica.

  • Bollettino n. 797

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 3 agosto 1942:

In Egitto vivaci duelli di artiglierie. Le opposte aviazioni hanno svolto notevole attività: quella italiana e tedesca ha battuto con visi­bili risultati concentramenti di truppe e di mezzi nelle retrovie nemiche.

Le batterie contraeree della divisione Trento hanno centrato e di­strutto due velivoli britannici.

L’aeroporto di Hai Far è stato bombardato da formazioni dell’Asse; in combattimento due Spit- fire venivano abbattuti dalla caccia ger­manica.

Ripetuti attacchi aerei contro un nostro convoglio in navigazione nel Mediterraneo sono completamente falliti per la pronta manovra delle navi e l’efficace reazione della scorta.

  • Bollettino n. 1.165

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 3 agosto 1943:

In Sicilia il nemico ha esteso i suoi attacchi al settore meridionale del fronte dove aspri combat- timenti sono in corso.

Nelle acque della Calabria meridionale nostre motosiluranti soste­nevano uno scontro con unità similari che venivano respinte. La città ed i dintorni di Napoli, nonché numerose località della Si­cilia e della Sardegna, sono state obiettivo di incursioni aeree avver­sarie. Risultano distrutti 6 bombardieri dalle batterie della difesa (2 a Napoli, 2 a Messina, 2 a Cagliari) e 2 Spitfire dalla caccia tedesca in Sicilia.

Nel cielo della Sardegna formazioni avversarie perdevano 12 bimo­tori in ripetuti scontri con i valorosi cacciatori del nostro 51° stormo.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.