2^ G.M. Regia Aeronautica

5 luglio 1943 – nei cieli di Catania muore l’Asso della Regia Aeronautica Franco Lucchini

«Comandante giovanissimo di un gruppo da caccia. Pilota, animatore, capo capace, entusiasta, convinto. Asso della caccia italiana idealmente puro. Volontario di guerra soffrì le dure pene della prigionia senza fiaccare l’indomito spirito. Affrontò sui cieli di tutti i fronti i piloti di tutto il mondo e nei duelli, sostenuti sempre cavallerescamente, fece brillare le qualità superbe del pilota e del combattente. Le vittorie innumerevoli non lo inebriarono. Convinto della missione da compiere continuò il lavoro con la stessa precisa volontà, esempio costante a tutti nell’adempimento sereno del proprio dovere. Tornò al combattimento con le ferite ancora aperte; sempre primo dove più dura e violenta infuriava la lotta seppe trasfondere agli altri i purissimi sentimenti di amore di Patria che lo animavano. In un epico combattimento sostenuto sopra il sacro suolo d’Italia contro avversari cento volte superiori, fu piegato dal fato avverso e non dall’abilità dell’avversario che aveva sempre nettamente dominato. Cadde da prode come da prode visse e seguitando la luminosa scia di Baracca continua con esso ad additare ai piloti del suo stormo la vera eroica via da seguire.»

 Cielo dell’Africa Settentrionale, del Mediterraneo e della Sicilia, giugno 1940 – luglio 1943

Il 5 luglio 1943, Franco Lucchini, uno dei migliori Assi della Regia Aeronautica decollava alla 10:25 ai comandi di un Macchi M.C. 202, con lui altri 26 M.C. 202 e M.C.205 del 4º Stormo. Scopo della missione intercettare 52 bombardieri scortati da una ventina di caccia Supermarine Spitfire, diretti a bombardare gli aeroporti attorno a Catania. In previsione dell’invasione dell Sicilia che sarebbe scattata di lì a pochi giorni, gli Alleati avevano intensificato le loro azioni aeree contro le basi aeree italiane sull’isola.

Il Capitano Lucchini comandava il 10º Gruppo, formato dall’84ª, la 90ª e la 91ª Squadriglia. Sulla verticale della base aerea di Gerbini, Lucchini, dopo avere abbattuto un caccia di scorta (la sua 26ª e ultima vittoria) attaccava la formazione di Boeing B-17 Flying Fortress, che incontrava per la prima volta, la sua coraggiosa azione portava al danneggiamento di diversi bombardieri. A quel punto Lucchini veniva visto attaccare un B-17, tra un nugolo di traccianti nemici, prima di precipitare, con il tettuccio chiuso, a pochi chilometri ad est di Catania.

Il corpo di Lucchini fu ritrovato due giorni più tardi. Al momento della morte Franco Lucchini era stato decorato con cinque Medaglie d’argento al valore militare, una Medaglia di bronzo al valore militare, tre Croci di guerra al valor militare e una Croce di Ferro tedesca di seconda classe. Era stato citato sul Bollettino di Guerra due volte il 5 settembre 1942 e il 6 luglio 1943. Le sue vittorie 26 secondo alcune fonti, 22 secondo altre oltre a 52 vittorie condivise con altri piloti, erano state ottenute in 70 combattimenti aerei nel corso di 262 (secondo altri 294) missioni di guerra.

Nel 1952 venne decorato alla memoria con la Medaglia d’Oro al Valor Militare postuma. La sua salma riposa presso il Sacrario dell’Aeronautica Militare presso il cimitero del Verano, Roma. Prima di chiudere il post una breve ma doverosa essenziale di uno dei maggiori Assi della Regia Aeronautica.

Franco Lucchini nasce a Roma il 24 dicembre 1917, e già da ragazzo sviluppa la passione per il volo, passione che gli fu instillata da ragazzo da due personaggi di un certo rilievo per l’Aeronautica Italiana, Gian Giacomo Chiesa, Direttore della Scuola di Pilotaggio di Cerveteri, e il colonnello Bertolini, comandante dell’aeroporto di Furbara, in seguito caduto nella campagna d’Etiopia. Così il giovane Lucchini a 18 anni nel 1935 entra nella Regia Aeronautica come Ufficiale di Complemento.

Nel luglio del 1936 consegue il brevetto di Pilota Militare alla Scuola Aeronautica di Foggia e il 13 Agosto dello stesso anno, viene assegnato alla 91ª Squadriglia, X Gruppo, del 4° Stormo C.T. di Gorizia. La sua prima occasione per confrontarsi con un avversario nei cieli venne ben presto. Nel luglio dell’anno successivo parte volontario per la Spagna ed e’ assegnato alla 19ª Squadriglia del XXIII Gruppo “Asso di Bastoni” che ha in dotazione i C.R. 32 “Falco”.

Nelle 122 missioni di volo portate a termine durante la Guerra Civile Spagnola, Lucchini consegue 5 vittorie aeree. Il 22 luglio 1938, nel corso di un duello aereo in cui aveva già abbattuto un aereo nemico, fu a sua volta atterrato da un caccia sovietico Polikarpov I-16. Costretto a lanciarsi con il paracadute in territorio nemico, venne catturato e internato, ma riuscì a fuggire dopo qualche mese nel febbraio 1939.

Gli ottimi risultati ottenuti gli garantiscono la promozione al ruolo di Ufficiale del Ruolo Effettivo e la Medaglia d’Argento al Valor Militare. Al termine della guerra di Spagna, Lucchini rientra al suo Reparto, il 4° Stormo di Gorizia. Nell’aprile del 1940, transita alla 90ª Squadriglia. L’unità equipaggiata con i C.R. 42, da poco consegnati allo Stormo, si trasferisce in Africa Settentrionale pochi giorni prima della dichiarazione di guerra.

Il 10 giugno 1940 il Regno d’Italia dichiara guerra a Gran Bretagna e Francia, il giorno successivo Lucchini compie la sua prima missione. Il 4 agosto, nel corso di un violento scontro aereo abbatté un Gloster Gladiator inglese, pilotato, per ironia del destino, dal Fl Lt Pattle detto”Pat”, destinato a divenire l’asso della caccia britannica con il più alto numero di abbattimenti di aerei italiani, che rimase impressionato dalle notevoli qualità del suo abbattitore.

Nel dicembre di quello stesso anno gli inglesi passarono al contrattacco, cogliendo di sorpresa e sbaragliando gli italiani a Sidi El Barrani. Lucchini ed i suoi, consci del disastro in corso, operarono al meglio delle loro possibilità, cercando di offrire alle truppe di terra il massimo supporto. Al termine della massacrante fase operativa, sia per gli uomini che per i mezzi, la 90ª squadriglia venne fatta rientrare in Italia nel gennaio 1941 per equipaggiarsi con i nuovi M.C.200

Sul territorio africano Lucchi porta complessivamente a termine 103 missioni ed abbatte 3 velivoli nemici e si merita la seconda Medaglia d’Argento al Valor Militare e 2 Medaglie di Bronzo al Valor Militare. Completato il passaggio ai Macchi M.C. 200 il 16 giugno del 1941, la sua squadriglia viene dislocata a Trapani per le operazioni su Malta, la vera spina nel fianco del dispositivo italo-tedesco nel Mediterraneo.

Nel settembre del 1941, Lucchini consegue un’altra Medaglia d’Argento al Valor Militare e in dicembre riceve la nomina a Comandante della 84ª Squadriglia. Alla fine del secondo anno di guerra, poiché le perdite erano state alte, il reparto venne nuovamente viene ritirato e si trasferisce a Campoformido per il rimpiazzo di uomini e per essere riequipaggiato con il nuovo Macchi M.C. 202.

Nell’aprile del 1942 ritorna, sempre con la sua Squadriglia, in Sicilia per riprendere le missioni su Malta.  Cominciò così un lungo e massacrante periodo di continui voli sull’isola, che comunque disponeva di una valida difesa contraerea. Il 22 maggio 1942, Lucchini, con la sua squadriglia e l’intero 4° Stormo vengono inviati a Martuba, Nord Africa, per appoggiare l’offensiva italo-tedesca contro gli inglesi, condotta da Erwin Rommel. 

Il 2 settembre, Lucchini, in volo con altri 17 Macchi del 10° Gruppo, formazione comandata dal maggiore De Agostinis in una missione di caccia libera intercettò una formazione di 18 bombardieri leggeri Boston, scortati da 35 Spitfire, nel combattimento che ne seguì Lucchini abbatté un caccia di scorta ed uno dei bombardieri. Ma anche queste vittorie, per quanto osannate dalla propaganda fascista , non potevano bastare a ridurre la sempre più pesante e pressante presenza aerea inglese, ampiamente rifornita dagli americani in base alla Legge Affitti e Prestiti del ‘41.

Il 20 ottobre abbatte un P-40, ma è costretto ad un atterraggio di fortuna; il 24, nel corso o dell’ennesimo combattimento, abbatte quattro aerei avversari, due P-40 e due B-25, ma viene colpito seriamente ad un braccio e una gamba. Dopo essere stato ricoverato all’ospedale di Fuka venne inviato in convalescenza in Italia. Per il suo impegno in Africa, i Tedeschi gli conferiscono la prestigiosa Croce di Ferro al Coraggio di Seconda Classe.

Al suo rientro allo Stormo, nel marzo del 1943, assume il comando del X Gruppo. Poco dopo nel maggio dello stesso anno avvenne la resa delle forze dell’Asse in Nord Africa, il 4° Stormo viene rischierato in Italia con l’obiettivo di contrastare un eventuale sbarco degli Alleati sulle coste siciliane. Tra gennaio e giugno, il Reparto riceveva alcuni nuovi caccia M.C. 205 “Saetta” un velivolo superiore ai mezzi a disposizione di americani e britannici ma che arrivò in troppo pochi esemplari ai reparti in prima linea.

Si arriva quindi a quel tragico 5 luglio 1943 giorno in cui Lucchini compie la sua ultima missione di guerra mettendo a segno la sua 26ª vittoria.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.