2^ G.M. La Repubblica Sociale Italiana

La fucilazioni di quattro agenti infiltrati dalla Repubblica Sociale Italiana

Il 30 aprile del 1944 nella cava di pozzolana di Sant’Angelo in Formis (Caserta) con grande coraggio ed esemplare serenità affrontarono la morte, quattro giovani volontari della Repubblica Sociale Italiana. Erano un milanese, un romano, un napoletano, uno di Aquila e vennero fucilati dagli inglese dopo essere stati sorpresi in azione di spionaggio dietro le linee alleate.
  • Franco Aschieri nato a Roma il 21 gennaio 1926, paracadutista della “X Mas”
  • Natale Italo Palesse nato a Cavalletto d’Ocre (L’Aquila) il 10 ottobre 1921
  • Mario Tapoli-Timperi nato a Roma il 4 giugno 1925, studente in medicina
  • Vincenzo Tedesco nato a Napoli il 14 aprile 1925
tutti e quattro andarono alla morte cantando gli inni della Patria, ciò che destò negli stessi ufficiali e soldati alleati che comandarono ed eseguirono la fucilazione.

Italo Palesse di fronte al plotone d’esecuzione, rifiutò di essere bendato e chiese di poter fumare un’ultima sigaretta. Morì gridando

“Dio stramaledica gli Inglesi!”

Italo Palese davanti al plotone di esecuzione

e, un attimo prima dei colpi, ordinò provocatoriamente e con derisione al plotone:

“Fuoco!”

I quattro fucilati di cui trattiamo nel presente post, facevano parte del terzo gruppo che venne giustiziato, fra i 13 agenti infiltrati dalla R.S.I. dietro le linee alleate sul fronte italiano. Dopo l’8 settembre 1943, l’azione bellica nei territori occupati dagli anglo-americani fu condotta da un organizzazione clandestina, formata da fascisti residenti nella Italia meridionale, e dai servizi speciali, composti da agenti segreti da inviare nelle zone occupate, con l’incarico di svolgere attività di informazione e di sabotaggio ai danni degli alleati.

Nel complesso vennero impiegati oltre quattromila agenti, uomini e donne, quasi tutti giovani e tutti volontari, fra essi un numero iomprecisato fra 70 e 100 vennero catturati e passati per le armi. Di essi facevano parte i tredici soldati della Repubblica Sociale Italiana che dopo essere stati catturati, vennero giudicati con rito abbreviato e condannati a morte da un tribunale alleato.

 Tradotti nelle carceri i S.Maria C.V., i primi ad affrontare la morte furono Mauro Bertoli da Massa e Luigi Cancellieri da Monteroni, il 21 gennaio 1944, nella cava di S.Angelo in Formis. Fuggiti da Bari, i due si erano arruolati volontari nelle file repubblicane, con l’intenzione di entrare nei servizi speciali; erano alla loro quinta missione quando, nel dicembre 1943, gli inglesi li catturarono. La mattina, su un camion furono trasportati sul luogo dell’esecuzione, dove caddero fulminati dalle raffiche dei mitra britannici.

Li seguirono nella triste sorte, il 16 aprile, Marino Cantelli da S.Giovanni in Persiceto ed Enrico Menicocci da Marsiglia.

Il 30 aprile, furono fucilati i quattro militari la cui storia è trattata nel presente post, Franco Aschieri da Roma, Natale Italo Palesse da Cavalletto d’Ocre, Mario Tapoli-Timperi da Roma e Vincenzo Tedesco da Napoli. Poi la triste sorte toccò il 6 maggio ad altri tre agenti che vennero fucilati alle spalle del Cimitero di S.Maria C.V. I loro nomi erano Alfredo Calligaro da Campolongo, Domenico Donnini da Urbania, Virgilio Scarpellini da Ranica, Giulio Sebastianelli da Cupramontana. Appartenevano tutti alla «X Mas.

Infine, Paolo Poletti da Firenze, fu ucciso il 19 maggio, nel carcere di S.Maria C.V. Gli alleati usavano procedere agli interrogatori in villette isolate presso Torre Annunziata, dove torturavano le spie che cadevano nelle loro mani. Il Poletti fu seviziato tanto ferocemente che impazzì. Tradotto nel carcere di S.Maria, il ragazzo urlava e si strappava i vestiti; ingiuriando gli americani, nel delirio si avvicinò al cancello della cella, lasciato stranamente aperto, e fece alcuni passi nel corridoio, quando il sergente americano scaricò la pistola contro il prigioniero.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.