2^ G.M. I bollettini di Guerra

Bollettini di guerra 6 aprile 1941-42-43

Il Bollettino del Quartier Generale delle Forze armate venne diramato in Italia a partire dall’ 11 giugno 1940, giorno in cui venne emesso il n° 1, fino al tragico 8 settembre 1943, per un totale di 1.201 comunicati. Esso, come venne indicato nelle disposizioni ufficiali, a partire dal 15 giugno 1940, sarà diramato alle ore 13 e conterrà tutto quanto concernente lo svolgimento delle operazioni sino alle ore 24 del giorno precedente.

Il 19 novembre 1940 venivano diramate con il Foglio di disposizioni n. 5 del P.N.F. le direttive riguardo al contegno da tenere durante l’ascolto del Bollettino di guerra, che prescriveva fra l’altro:

Nei pubblici ritrovi, allorchè viene trasmesso per radio il Bol­lettino di guerra, i fascisti presenti lo ascoltino in piedi. Il pubblico non tarderà a uniformarsi a questa esempio di compren­sione e di stile.

Noi abbiamo scelto di pubblicare gli stessi, raggruppando nello stesso post tutti i bollettini emessi in quel giorno specifico, per tutti gli anni del conflitto mondiale.

  • Bollettino n. 303

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 6 aprile 1941:

Sul fronte greco, attività di artiglierie. Nostre formazioni aeree han­no attaccato in picchiata e mitragliato apprestamenti difensivi e truppe nemiche.

Nell’Africa settentrionale, continua l’avanzata verso oriente delle co­lonne italiane e tedesche in Cirenaica.

Velivoli inglesi hanno ripetuto, nella notte del 5, il bombardamento su Tripoli: alcuni feriti e danni.

Nel Mediterraneo orientale, un nostro sommergibile ha attaccato un convoglio nemico. Un piroscafo di grosso tonnellaggio è stato affon­dato; un secondo piroscafo è stato colpito con siluro. Nostri velivoli hanno bombardato altro convoglio nemico ad ovest dell’isola di Creta. Un nostro aereo da ricognizione, attaccato da caccia avversari, ha abbattuto un velivolo tipo Hurricane. Nell’Africa orientale le nostre truppe effettuano il loro concentramento nelle zone prestabilite.

  • Bollettino n. 674

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 6 aprile 1942:

Elementi esploranti avversari, appoggiati da artiglieria, sono stati respinti nella zona a sud – est di Mechili. Nella stessa regione nostri velivoli da combattimento hanno attaccato con palese efficacia un concentramento di automezzi, danneggiandone gravemente buon numero. Un aereo non è ritornato.

La ferrovia Marsa Matruh – Alessandria è stata nuovamente bombar­data da nostri apparecchi e interrotta in più punti.

Poderose aliquote dell’arma aerea germanica hanno effettuato ripe­tute incursioni diurne e notturne sull’isola di Malta: l’arsenale, le officine e i depositi carburante di La Valletta sono stati potentemente bombardati ed un incrociatore in quel bacino è stato centrato; aero­dromi e piste di lancio dell’isola hanno subito notevoli danni; un Hurricane risulta abbattuto in combattimento.

  • Bollettino n. 294

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 6 aprile 1941:

Sul fronte tunisino azioni di fuoco delle opposte artiglierie; nel set­tore centrale un attacco avversario appoggiato da mezzi blindati ve­niva respinto.

Formazioni aeree italiane e germaniche hanno nuovamente bom­bardato il porto di Bona e le linee di comunicazioni nemiche. La caccia dell’Asse abbatteva in combattimento 15 aerei anglo-americani. Numerosi quadrimotori lanciavano ieri bombe nei dintorni di Mar­sala e su Palermo, Trapani e Porto Empedocle, arrecando notevoli danni. Tra la popolazione si contano 4 morti e 9 feriti nella zona di Marsala, 17 morti e 74 feriti a Palermo, 2 feriti a Trapani, 13

morti e 32 feriti a Porto Empedocle. Dodici apparecchi nemici ve­nivano abbattuti: 7 da cacciatori tedeschi, 5 da batterie contraeree, caduti in mare 3 a ponente delle isole Levano e Favignana, 1 al largo di Porto Empedocle ed il quinto a 14 Km a nord – ovest di Capo Gallo (Palermo). Non sono rientrati alle basi, dalle operazioni degli ultimi due giorni, 5 nostri velivoli.

Nelle incursioni del giorno 4 su Napoli l’aviazione nemica — oltre ai 2 apparecchi segnalati dal bollettino n. 1045, distrutti dalle arti­glierie della difesa — ha perduto ad opera della nostra caccia un quadrimotore ed un bimotore caduti presso le isole di Ventotene e Ponza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.