2^ G.M. I bollettini di Guerra

Bollettini di guerra 16 gennaio 1941-42-43

  • Bollettino n. 223

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 16 gennaio 1941:

Sul fronte greco, attacchi dell’avversario sono stati respinti da pronta reazione delle nostre truppe.

In Cirenaica, consueta attività di arti­glieria sul fronte di Tobruk e di nostre colonne celeri nella zona di Giarabub. Nostri aerei hanno bombardato rotabili, posti di rifor­nimento ed apprestamenti nemici a sud – est di Tobruk. Un aereo nemico in ricognizione su Tobruk è stato abbattuto dalla difesa con­traerea della R. Marina.

Nell’Africa orientale qualche azione di artiglieria sul fronte del Sudan. E’ stata colpita dalla nostra aviazione la base di Porto Sudan. Il nemico ha effettuato un’incursione aerea su Assab arrecando lievi danni.

Un nostro sommergibile comandato dal capitano di corvetta Mario Spano, ha silurato nel Mediterraneo, nella notte tra il 10 e l’11 corrente, un incrociatore leggero nemico. Altro nostro sommergibile comandato dal capitano di corvetta Vittore Raccanelli ha affondato nell’Atlantico il piroscafo inglese Ardabham di 5.000 tonnellate.

Nella notte dal 15 al 16, aerei nemici hanno bom­bardato Catania, recando pochi danni e causando alcune vittime e qualche ferito.

  • Bollettino n. 593

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 16 gennaio 1942:

Proseguono i combattimenti nella regione di Sollum – Halfaya. At­tività delle opposte artiglierie nella Cirenaica occidentale. Numerose azioni condotte dall’arma aerea italiana e tedesca hanno inflitto ieri al nemico perdite rilevanti: colonne e ammassamenti di truppe mi­tragliati e dispersi, molti mezzi corazzati e motorizzati colpiti e distrutti, parecchi velivoli bruciati o danneggiati al suolo, tre Hur­ricane abbattuti.

Il martellamento dei porti e degli aerodromi di Malta é pure con­tinuato: navi alla fonda sono state attaccate e colpite, batterie cen­trate, distruzioni e incendi di vaste proporzioni causati dal tiro dei bombardieri dell’Asse.

In operazioni di più vasto raggio nel Mediterraneo centrale e orien­tale, velivoli germanici hanno bombardato gli obiettivi militari del porto di Alessandria.

  • Bollettino n. 966

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 16 gennaio 1943:

Alle azioni aeree degli scorsi giorni sono seguite, sul fronte sirtico aspri combattimenti terrestri nel corso dei quali le unità britanniche attaccanti venivano contenute e respinte in dura prolungata lotta; trentacinque carri armati nemici risultano distrutti.

In Tunisia, elementi avversari, appoggiati da mezzi blindati, erano costretti a ripiegare, a seguito di vivaci scontri.

In entrambi i settori della battaglia le aviazioni italiana e germa­nica sono intervenute con successo, bombardando centri delle retrovie e basi portuali, mitragliando colonne in marcia e in sosta, intercet­tando con successo le formazioni dell’opposta aeronautica.

Tre apparecchi sono stati abbattuti da cacciatori italiani, tredici da quelli tedeschi; molti altri incendiati o danneggiati al suolo. Incursioni su Tripoli non hanno provocato danni di rilievo: sono segnalati tre morti e cinque feriti fra la popolazione libica; due bombardieri precipitavano sotto il tiro delle artiglierie della difesa. Alcune bombe venivano pure sganciate sull’isola di Lampedusa e su Gela, le cui batterie contraeree centravano e distruggevano ciascuna un velivolo.

Due nostri aerei non hanno fatto ritorno dalle operazioni della giornata.

Nella notte sul 16 la torpediniera Perseo, al comando del tenente di vascello Saverio Marotta, mentre navigava in servizio di protezione del traffico, è stata attaccata da tre grossi cacciatorpediniere nemici. Li ha audacemente affrontati silurandone uno e sebbene colpita e con incendio a bordo, è riuscita a rientrare alla base.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.