2^ G.M. I bollettini di Guerra

Bollettini di guerra 7 gennaio 1941-42-43

  • Bollettino n. 214

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 7 gennaio 1941:

Gli ultimi capisaldi che resistevano ancora a Bardia sono caduti verso la sera del 5 andante. Le nostre truppe hanno, durante 25 giorni, scritto pagine sublimi di ardimento e inflitto perdite forti al nemico. Forti sono state anche le nostre, in materiali, in uomini: caduti, feriti, dispersi. Durante un’incursione nemica su Tobruk due veli­voli nemici sono stati abbattuti in fiamme dall’artiglieria contraerea della R. Marina.

Sul fronte greco, con nostro riuscito colpo di mano, ci siamo impossessati di una importante posizione; armi automatiche e munizioni, abbandonate dal nemico, sono cadute in nostre mani. In favorevole scontro di pattuglie abbiamo catturato alcuni prigionieri. Aerei nemici hanno attaccato una nostra base: un Blenheim è stato abbattuto dalla difesa contraerea. Una formazione da caccia, in cro­ciera, scontratasi con velivoli avversari, ne ha abbattuti tre. Altra nostra formazione, malgrado il tempo avverso, ha bombardato un importante obiettivo avversario. Tutti i nostri velivoli sono rientrati.

In Africa orientale, in zona Tessenei, al confine sudanese, elementi meccanizzati nemici sono stati fugati dal tiro della nostra artiglieria. Sul rimanente del fronte, azioni di pattuglie e di artiglierie.

  • Bollettino n. 584

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 7 gennaio 1941:

Nella giornata di ieri nulla di speciale nella regione di Agedabia. Violenti concentramenti di artiglieria contro le nostre posizioni nel settore di Sollum – Halfaya.

Le sfavorevoli condizioni atmosferiche hanno fortemente limitato l’attività aerea in Cirenaica e nel Mediterraneo. Nostre formazioni, tuttavia, agendo a stretto raggio, hanno battuto con successo colonne di mezzi meccanizzati nemici, molti dei quali sono stati incendiati. Ripetute azioni dell’aviazione italo – germanica sugli obiettivi di Malta.

Un velivolo inglese che tentava di sorvolare Siracusa, colpito dalla precisa reazione di quella difesa contraerea, è atterrato nella penisola di Magnisi (sud di Augusta); catturati i due sottufficiali dell’equi­paggio.

  • Bollettino n. 957

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 7 gennaio 1941:

Nella Sirtica più accentuata attività esplorativa.

E’ continuata la pressione di preponderanti forze sui nostri presidi del Sahara libico.

Contrattacchi avversari condotti con impiego di consistenti reparti di fanteria non ottenevano in Tunisia alcun risultato: il nemico era ovunque ricacciato sulle posizioni di partenza.

Formazioni della nostra aviazione hanno bombardato le basi por­tuali anglo – americane ‘dell’Africa settentrionale francese ed in par­ticolare le attrezzature di Bona suscitando violenti incendi sugli obiettivi.

Incursioni aeree causavano qualche danno nei quartieri centrali di Tunisi; pure a Kairouan venivano distrutte alcune abitazioni arabe; sono segnalate vittime fra le popolazioni.

In combattimento 5 apparecchi sono stati abbattuti dalla caccia ger­manica, uno dall’artiglieria della difesa.

Nelle acque di Pantelleria 2 nostri mas colpivano e facevano preci­pitare in fiamme un aereo, respingendo inoltre l’attacco di alcuni altri.

Una unità navale, al comando del tenente di vascello Saverio Marotta, ha affondato un sommergibile nemico nel Mediterraneo centrale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.